Bonus carburante dipendenti 2022: scadenza e come ottenerlo

C’è ancora tempo per usufruire del bonus carburante dipendenti, la misura che prevede il riconoscimento volontario da parte del datore di lavoro di un voucher fino a 200 euro a dipendente. Vediamo quando scade il bonus e come bisogna fare per poterne usufruire.

man-at-gas-station-with-the-car-close-up

Termina il 12 gennaio 2023 la possibilità per i lavoratori dipendenti di beneficiare del bonus carburante, il contributo fino a 200 euro concesso volontariamente dai datori di lavoro appartenenti a determinati settori.

Vediamo nel seguente articolo come funziona la misura e in che modo si può ottenere.

Bonus carburante 2022: scadenza e come funziona

fuel-1596622_1920

Scade il 12 gennaio 2023 il bonus carburante dipendenti, il voucher dal valore massimo di 200 euro a lavoratore emesso in modo volontario da parte del datore di lavoro.

Il bonus può essere emesso dalle aziende private, dagli studi professionali o da enti del settore terziario che non si occupino di attività commerciali, e non concorre alla formazione del reddito del dipendente.

Sono esclusi dal bonus tutti i lavoratori pubblici, i lavoratori a partita IVA, i lavoratori autonomi occasionali, i collaboratori con contratti di tipo co.co.co o coloro che ricevono redditi di lavoro assimilato, come i tirocinanti.

Bonus carburante 2022: come averlo

flat-lay-business-man-checking-finance-manners

Il bonus carburante dipendenti viene riconosciuto volontariamente da parte del datore di lavoro al lavoratore dipendente. Qualora l’azienda decida di offrire al proprio dipendente il bonus benzina sarà lei stessa a comunicarglielo e ad erogare i voucher del valore della cifra prevista. La spesa legata al bonus benzina, specifichiamo, è completamente a carico dell’azienda che lo eroga.

I voucher, come detto, dovranno essere erogati entro il 12 gennaio 2023. Il lavoratore potrà potrai usufruirne entro la data di scadenza presente sul buono. Sarà quindi possibile ottenere l’agevolazione entro il prossimo gennaio e spenderlo nei mesi che seguiranno.

Lascia un commento