Bonus carburante direttamente sulla social card? Le ultime novità

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
17/09/2023

Il governo italiano sta esaminando misure per affrontare l’aumento dei prezzi dei carburanti, inclusa l’ipotesi di un bonus fisso per famiglie in difficoltà. Alcune delle proposte coinvolgono l’estensione dei contributi per il trasporto su strada e la possibilità di prolungare l’assegnazione agevolata ai soci, ma tutto dipenderà dalle risorse finanziarie disponibili. 

gasoline-g60e52b9d5_1920

Il governo italiano sta affrontando la sfida dell’aumento dei prezzi dei carburanti, che ha raggiunto stabilmente quota 2 euro anche nelle stazioni self-service.

Tra le proposte in discussione, spicca l’idea di un bonus fisso di 80 euro, rivolto principalmente alle famiglie economicamente svantaggiate, con almeno tre membri e un Isee fino a 15.000 euro, coloro che già possono beneficiare della social card da 382,5 euro.

Bonus carburante: intervento in elaborazione

handsome-man-pours-gasoline-into-tank-of-car-min

Il Ministero delle Imprese, con il Ministro Adolfo Urso in prima linea su questo dossier, sta lavorando su un intervento che richiederebbe un investimento di 100 milioni di euro.

Tuttavia, l’implementazione di questa misura è ancora in fase di elaborazione e non è previsto che sia discussa al prossimo Consiglio dei ministri del 18 settembre.

È più probabile che questa misura venga inserita in uno dei prossimi decreti, alcuni dei quali potrebbero riguardare questioni fiscali o energetiche.

Decisioni in merito alla bolletta energetica

Entro il 30 settembre, il governo dovrà prendere una decisione in merito all’estensione dei benefici attualmente applicati sulla bolletta energetica.

Questi benefici includono la riduzione dell’IVA al 5% sul gas per utilizzi civili e industriali, la diminuzione dei costi del gas e il potenziamento del bonus sociale, rivolto alle famiglie in difficoltà economica e fisica.

Il Ministro Pichetto ha dichiarato che la decisione è ancora in sospeso, principalmente a causa delle limitate risorse finanziarie disponibili.

Contributi straordinari per il trasporto su strada

Per affrontare l’aumento dei prezzi dei carburanti, si sta considerando l’estensione dei contributi straordinari previsti dalla legge di bilancio 2022, attualmente erogati sotto forma di credito d’imposta.

Questi contributi sono destinati all’autotrasporto di merci su strada per conto terzi e alle imprese di trasporto su strada di persone. Potrebbe essere presa in considerazione anche un aumento dell’importo di questi contributi, a patto che le risorse finanziarie lo consentano.

Estensione dell’assegnazione agevolata ai soci

Si sta valutando la possibilità di estendere il periodo per l’assegnazione agevolata ai soci e la trasformazione in società semplici, ma solo a condizione che l’importo completo sia pagato in un’unica soluzione.

La scadenza attuale per l’assegnazione agevolata ai soci è il 30 settembre, e il governo sta considerando l’inclusione di questa estensione nel decreto legge fiscale, che di solito accompagna la legge di bilancio.

Questo decreto potrebbe anche affrontare la questione del caro-carburante e altre misure volte a garantire spazi fiscali per la legge di bilancio.