Bonus casa: ecco quali resteranno nel 2024

Con l’arrivo del nuovo anno le misure fiscali attualmente presenti subiranno delle importanti modifiche, e così i vari bonus che conosciamo non rimarranno tutti allo stesso modo. In questo articolo vediamo insieme quali sono i bonus per la casa che resteranno in vigore.

A partire da gennaio 2024 ci saranno importanti modifiche nel mondo dei bonus edilizi. e resterà in vigore il bonus Casa al 50% per piccoli e grandi interventi di miglioramento dell’efficienza energetica, con un tetto massimo di spesa di 96.000 €. in questo bonus si rientrano in interventi di sostituzione infissi, installazione di climatizzatori, acquisto di stufe a legna o pellet, sostituzione caldaie e altri piccoli interventi.

I bonus casa sono bonus che sono stati erogati dal governo al fine di sostenere chi vuole investire in una casa più ecologica e effettua interventi di miglioramento energetico. Per il 2024 continueranno a essere molto numerosi, vediamo insieme quali sono i bonus casa disponibili.

Questo bonus valido anche sulla sostituzione dei vetri, di tapparelle e persiane purché certificate a risparmio energetico. Inoltre sono anche inclusi interventi di sostituzione dei radiatori, dell’installazione delle termovalvole sui termosifoni e sull’acquisto di sistemi che permettono di controllare a distanza caldaie, climatizzatori e stufe a pellet.

Bonus casa: ecco tutte le agevolazioni del 2024

Resta inoltre in vigore un bonus del 50% di detrazione per l’acquisto di elettrodomestici a risparmio energetico, come piani di cottura a induzione e forni a microonde; il bonus vale anche per le lampade e lampadine a LED ma con un tetto massimo di spesa di 5000 €, ridotto quindi rispetto agli 8000 dell’anno scorso.

Oltre a questo resta anche in vigore l’eco bonus con aliquota al 50 e 65% fino al 31 dicembre 2024, ma solo se si rispettano i requisiti minimi di risparmio energetico e si invia tutta la documentazione necessaria all’Enea. La detrazione è solo del 50% per l’installazione delle tende oscuranti, ma può aumentare al 65%.

Infatti in caso di interventi di coibentazione delle pareti interne ed esterne dell’edificio, o di sostituzione di caldaie con delle nuove a condensazione dotate di techno valvole e per l’acquisto di boiler a gas a pompa di calore la detrazione arriva fino al 65% delle spese sostenute per questi interventi.