Bonus casa: quali ci saranno nel 2023?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
29/08/2022

Tra le varie agevolazioni per la casa presenti quest’anno in Italia, alcune sono state confermate per il prossimo anno mentre altre potranno essere usufruite fino al 31 dicembre 2022. Vediamo insieme quali bonus ci saranno nel 2023 e quali non.

crop-hand-holding-house-near-coins-min

Tra i vari bonus che sono stati erogati quest’anno, alcuni di questi confermati anche per il 2023 mentre altri non ci saranno più a partire dal prossimo anno.

Dal superbonus 110% al bonus mobili: vediamo quali agevolazioni saranno presenti il prossimo anno e quali no.

Bonus casa 2023: quali sono stati confermati?

world-habitat-day-close-up-picture-of-a-pile-of-coins-and-a-model-house-min

Tra i bonus prorogati anche per i prossimi anni troviamo il superbonus 110%, la detrazione del 110% introdotta per incentivare gli interventi di efficientamento energetico delle abitazioni. L’agevolazione spetta fino al 31 dicembre 2025, ma non per tutti. Nel paragrafo successivo vengono specificate le categorie che non potranno usufruire della proroga fino al 2025.

Ad essere prorogati fino al 31 dicembre 2024 sono:

  • bonus ristrutturazioni edilizie (detrazione 50%), introdotto con l’obiettivo di supportare la ristrutturazione degli edifici rispettando determinati canoni;
  • ecobonus;
  • bonus mobili e grandi elettrodomestici (detrazione 50%), serve a sostenere le spese per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici di ultima generazione e a basso impatto ambientale ;
  • sismabonus (detrazione 75% ecc.) per il miglioramento di due classi sismiche dell’edificio;
  • bonus verde (detrazione 36%), per la sistemazione dei giardini.

Quali non ci saranno nel 2023?

house-1353389_1920

Per quanto riguarda gli edifici unifamiliari, il superbonus 110% potrà essere usufruito solo alla fine del 31 dicembre 2022 e vale fino al 31 dicembre 2023 per gli interventi effettuati dagli Iacp (ed enti con le stesse finalità sociali) su immobili, di proprietà o gestiti per conto dei comuni, adibiti a edilizia residenziale pubblica. La medesima scadenza vale anche per le cooperative di abitazione a proprietà indivisa per interventi su immobili assegnati in godimento ai propri soci.

Il bonus facciate è stato confermato fino alle spese sostenute entro il 31 dicembre 2022 e la legge di bilancio 2022 ne ha ridotto la percentuale di detrazione dal 90% al 60%.