Bonus casa under 36: come indicarlo nella Dichiarazione dei Redditi 2023

I giovani con meno di 36 anni intenzionati ad acquistare l’abitazione principale possono beneficiare di importanti agevolazioni fiscali grazie al cosiddetto bonus casa under 36, confermato e prorogato per tutto il 2023. Vediamo nel dettaglio come funziona e qual’è la procedura da seguire per indicare il bonus in sede di dichiarazione dei redditi.

closeup-of-business-woman-making-notes-in-document-min (1)

Il bonus casa under 36 consiste in un pacchetto di agevolazioni fiscali per i giovani che decidono di acquistare l’abitazione principale. Il bonus spetta anche nel caso in cui si decide di stipulare un contratto di finanziamento.

Vediamo nel seguente articolo come funziona il bonus e come indicarlo nella Dichiarazione dei Redditi 2023.

Bonus casa under 36: come utilizzarlo

house-167734_1920

Ai fini dichiarativi, il credito d’imposta riconosciuto grazie al bonus casa under 36 deve essere indicato, alternativamente:

  • nel rigo G8 del modello 730, relativo ai crediti di imposta;
  • nel rigo CR13 del modello Redditi Pf.

Fatto ciò, è necessario compilare la colonna corrispondente alla propria situazione:

  • nella colonna 1 va indicato il credito di imposta per il riacquisto della “prima casa” che non ha trovato capienza nell’imposta che risulta dalla precedente dichiarazione;
  • nella colonna 2 va indicato il credito di imposta maturato nel 2022;
  • nella colonna 3 va indicato il credito di imposta utilizzato in compensazione nel modello F24 fino alla data di presentazione del modello dichiarativo;
  • nella colonna 4 va indicato il credito di imposta utilizzato in compensazione negli atti stipulati successivamente all’acquisto della “prima casa” assoggettata ad IVA.

Il credito di imposta potrà poi essere inserito in compensazione all’interno del modello F24.

Come funziona il bonus

I giovani under 36 intenzionati ad acquistare un’abitazione possono beneficiare di alcune agevolazioni, sia al momento dell’acquisto dell’immobile che nella definizione del piano di finanziamento.

Nel dettaglio, i vantaggi quando si acquista l’immobile riguardano:

  • l’esenzione immediata dall’imposta di registro;
  • l’esenzione immediata dalle imposte ipotecaria e catastale;
  • il riconoscimento di un credito d’imposta pari all’ammontare dell’IVA corrisposta per l’acquisto di nuove costruzioni, se dovuta.

Nel caso di stipula di un contratto di finanziamento (mutuo), inoltre, è prevista l’esenzione dall’imposta sostitutiva, pari allo 0,25% dell’ammontare complessivo.

Lascia un commento