Bonus Case Green sospeso? Ecco perché

Nel corso del 2024, si è verificata una pausa nelle agevolazioni fiscali destinate alle abitazioni sostenibili, meglio note come bonus case green. Questa decisione ha destato dibattiti e malcontento tra coloro che prevedevano di sfruttare tali incentivi per l’acquisto di proprietà eco-compatibili.

Bonus case green 2024 bloccato: le cause della sua sospensione

Il bonus case green, fino ad allora, rappresentava una significativa agevolazione fiscale, garantendo una detrazione del 50% sull’IVA applicata all’acquisto di immobili nuovi da costruttori, a patto che questi rispettassero determinate prestazioni energetiche.

In particolare, erano favoriti gli immobili di classe energetica A, da A1 a A4, e quelli di classe B, grazie ai loro elevati standard di efficienza energetica e isolamento termico. Questo bonus, operativo fino al gennaio 2024, permetteva di diluire il beneficio fiscale in dieci rate annuali.

le motivazioni dietro lo stop e le prospettive future

La decisione di non prorogare il bonus per il 2024 è emersa con l’entrata in vigore della nuova Legge di Bilancio, suscitando perplessità non solo tra i potenziali acquirenti ma anche nel settore immobiliare. Contrariamente a questa scelta, l’Unione Europea ha recentemente approvato una direttiva che punta alla realizzazione di edifici a zero emissioni, indicando una possibile direzione futura per le politiche abitative.

La pausa del bonus potrebbe dunque rappresentare un momento di transizione verso nuovi piani e incentivi che l’Italia dovrà sviluppare in risposta agli obblighi europei, mirati al miglioramento delle prestazioni energetiche degli immobili.

Bonus case green rinviato nel 2025?

Originariamente introdotto nel 2016, il bonus case green ha visto diverse proroghe nel corso degli anni. Nonostante l’attuale interruzione, le recenti direttive europee suggeriscono la possibilità di una sua rinascita o revisione, in linea con strategie più ampie di incentivazione per l’acquisto di immobili eco-sostenibili.

Resta da vedere come il governo italiano interpreterà e implementerà tali indirizzi, delineando nuove opportunità per gli investimenti nel settore immobiliare verde.