Bonus centri sportivi e piscine 2021: cos’è e chi può richiederlo

15/07/2021

Contributi a fondo perduto anche per piscine e centri sportivi: è quanto disposto dal decreto Sostegni bis come misura di aiuto al settore sportivo, anch’esso colpito duramente dalle restrizioni causa Covid. Vediamo insieme come funziona il bonus e quali sono i requisiti per ottenerlo.

swimming-924895_1920

Tra i numerosi settori colpiti dalle restrizioni e dalle chiusure forzate causa Covid-19 c’è senza dubbio anche quello dello sport.

Per tale motivo il decreto Sostegni bis ha disposto una misura di aiuto a favore delle attività operanti in questo comparto: piscine e centri sportivi, infatti, potranno beneficiare di contributi a fondo perduto per ripartire nel più breve tempo possibile.

Vediamo nel dettaglio quali sono i requisiti richiesti per accedere al bonus in questione.

Contributi per centri sportivi e piscine: come funzionano

indoors-swimming-pool-min

Il decreto Sostegni bis, che verrà convertito in legge entro il prossimo 24 luglio, ha previsto un aiuto sottoforma di contributo a fondo perduto a favore delle piscine e dei centri sportivi, entrambi colpiti duramente dai lockdown e dalle chiusure forzate disposte nell’ultimo anno e mezzo.


Leggi anche: Bonus prima casa: come funziona e chi può richiederlo

Per il bonus in questione, relativo al 2021, il Governo Draghi ha già stanziato 30 milioni di euro, che verranno distribuiti per rimborsare i costi sostenuti a partire dal 1° marzo 2020 ad oggi per gestire e mantenere:

  • le piscine (comprese le spese riferite ai corsi e alle attività sportive) chiuse a causa della pandemia;
  • gli impianti natatori, anche polivalenti, rimasti inutilizzati a seguito delle restrizioni in materia di accesso alle strutture sportive.

Contributi per centri sportivi e piscine: chi può richiederli

swimmers-79592_1920

La misura di sostegno, fissata dall’articolo 10-bis del decreto, è destinata a tutte le associazioni e le attività sportive iscritte nei registri del CONI (Comitato Olimpico Nazionale Italiano) e affiliate a:

  • federazioni sportive nazionali;
  • enti di promozione sportiva;
  • associazioni di varie discipline sportive.

I parametri specifici per accedere al contributo e le relative modalità di erogazione non sono ancora state rese note: a tal proposito si attende il decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze, il quale verrà adottato entro 30 giorni dalla data di conversione in legge del Sostegni bis.

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureando in Management Internazionale
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
Suggerisci una modifica