Bonus chef 2022 ancora fermo: cosa sta succedendo?

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
15/06/2022

Che fine ha fatto il bonus chef? L’agevolazione, che prevede un credito d’imposta per i cuochi professionisti che lavorano nelle cucine di alberghi e ristoranti, dopo un anno e mezzo non ha ancora trovato applicazione. Vediamo insieme perché.

bearded-master-chef-prepares-fresh-salmon-min (1)

Il bonus chef consiste in un credito d’imposta che può arrivare fino al 40% delle spese sostenute, fino ad un massimo di 6.000 euro, da parte di cuochi professionisti che lavorano nelle cucine di alberghi e ristoranti, sia dipendenti che autonomi con partita IVA.

La misura, introdotta con la Legge di Bilancio 2021, non è mai divenuta operativa: vediamo per quale motivo.

Bonus chef 2022: manca il decreto attuativo

chef-gebd1e2e6c_1920

Il bonus chef è una delle misure introdotte con la Legge di Bilancio 2021, ma dopo un anno e mezzo la misura non ha ancora trovato applicazione. Questo poiché manca il decreto attuativo, necessario per rendere operativa l’agevolazione.

Il bonus chef, di conseguenza, è destinato a diventare operativo quasi esclusivamente con effetto retroattivo e, quindi, con una efficacia che risulta molto minore rispetto a quella inizialmente ipotizzata.

Non resta che attendere eventuali novità nel corse dei prossimi mesi.

Bonus chef 2022: di cosa si tratta

chef-g463e013db_1920

Il bonus chef è stato introdotto dalla Legge di Bilancio 2021 e consiste in un credito d’imposta che può arrivare fino al 40% delle spese sostenute fino ad un massimo di 6.000 euro. Con il decreto Milleproroghe è arrivata la proroga dell’agevolazione al 31 dicembre 2022.

La misura è destinata ai cuochi professionisti che lavorano nelle cucine di alberghi e ristoranti, sia dipendenti che autonomi con partita IVA, anche nei casi in cui non siano in possesso del codice ATECO 5.2.2.1.0. Il budget complessivo stanziato per la misura è pari ad 1 milione di euro per il 2022.

Il credito d’imposta può essere utilizzato per l’acquisto di beni strumentali durevoli e per la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale “strettamente funzionali all’esercizio dell’attività”.

Il bonus chef può essere utilizzato soltanto per le seguenti tipologie di spese:

  • l’acquisto di strumenti e attrezzature professionali per la ristorazione;
  • l’acquisto di macchinari di classe energetica elevata per la conservazione, la lavorazione, la trasformazione e la cottura dei prodotti alimentari;
  • la partecipazione a corsi di aggiornamento professionale.