Bonus chef: cos’è e come funziona?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
27/12/2022

Nuovo bonus per gli italiani, con l’aggiunta del nuovo credito d’imposta da sei mila euro. Si tratta del bonus chef, la cui domanda può essere presentata a partire dal 27 Febbraio 2023. Vediamo insieme in cosa consiste il bonus e come si può fare richiesta per ottenerlo.

bearded-master-chef-prepares-fresh-salmon-min (1)

Cos’è il bonus chef ? Si tratta di un credito d’imposta fino a 6mila euro istituito con la legge di Bilancio 2021. Ci sono voluti ben due anni di attesa prima di confermarlo, in quanto l’iter burocratico per approvarlo è stato lungo e le modalità attuative sono state valutate solamente il 1° Luglio scorso dal Mise.

Il bonus è stato pensato come un sostegno per il settore della ristorazione, in particolare per i cuochi professionisti (sia dipendenti che autonomi) che lavorano presso alberghi e ristoranti.

Bonus chef: come richiederlo?

chef-gebd1e2e6c_1920

Vediamo in primis chi può richiedere il bonus chef nel 2023. Questo potrà essere richiesto da cuochi professionisti di alberghi e ristoranti che lavorano sia come lavoratori dipendenti che come autonomi con partita Iva, anche nei casi in cui non siano in possesso del codice Ateco 5.2.2.1.0.

Questo credito d’imposta può essere utilizzato per acquistare beni così detti strumentali e durevoli nel tempo, come allo stesso tempo per partecipare a corsi di formazione tra il 1° gennaio e il 30 giugno 2021.

Bonus chef: ecco come fare domanda

chef-g463e013db_1920

Vediamo ora quali sono le istruzioni per avere il bonus chef da 6 mila euro. Tutti i dettagli del bonus si trovano all’interno del decreto del 29 Novembre 2022: questo provvedimento ha approvato il modello di domanda da presentare e e relative tempistiche. L’invio delle domande si farà a partire dalle ore 12 del 27 Febbraio 2023, fino al successivo 3 Aprile.

Come detto, sono state approvate anche le modalità di presentazione della domanda, facendo accesso all’apposita sezione che verrà resa disponibile sul sito del ministero delle Imprese e del Made In Italy. E’ necessario avere l’identità SPID e un indirizzo di Pec funzionante.