Bonus cinema 2022: come richiederlo, requisiti e importo

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
28/11/2022

Il bonus cinema ha ufficialmente preso il via e sarà valida fino all’esaurimento delle risorse, che ammontano a 10 milioni di euro. Si tratta di uno sconto applicabile ai biglietti: vediamo insieme come funziona e chi può usufruirne.

Cinema

Il governo Meloni ha stanziato 10 milioni euro per finanziare il bonus cinema, la nuova agevolazione introdotta al fine di incentivare i cittadini e le cittadine italiane a frequentare nuovamente i cinema, che dopo la pandemia hanno rappresentato uno dei settori che ha sofferto di più la crisi.

Nello specifico, il bonus consiste in uno sconto applicabile al biglietto di circa 3 o 4 euro. Tuttavia, per poter usufruire della misura è necessario essere in possesso di un requisito in particolare. Vediamo insieme quale.

Bonus cinema: di cosa si tratta

Cinema

I fondi per finanziare il bonus cinema erano già stata stanziati dal precedente ministro Franceschini e l’esecutivo attualmente in carica si è occupato di eseguire il progetto già predisposto.

Il bonus permette di ottenere un voucher tramite cui si ottiene uno sconto sul biglietto di ingresso al cinema. Ma come funziona? Per poter ricevere il buono è necessario innanzitutto esser in possesso dello Spid, tramite cui è possibile generare un Qr code sul proprio cellulare. Questo dovrà poi essere mostrato al momento di acquisto dei biglietti e scansionato dagli esercenti, che per ogni biglietto scansionato ricevono un contributo statale di 3 euro nell’arco di 3 mesi. Di conseguenza il costo finale del biglietto per il pubblico sarà al massimo di 4 euro.

La crisi del settore

Cinema

Il bonus è stato introdotto con l’obiettivo di incentivare i cittadini e le cittadine del nostro Paese a tornare nei cinema, che dopo la pandemia hanno sofferto moltissimo a causa della diminuzione dei clienti.

Secondo i dati raccolti dalla Siae, gli spettatori dei cinema italiani nel 2019 erano stati 306 milioni, con una spesa di 2,7 miliardi di euro, mentre nel 2021, gli spettatori sono stati invece soltanto 84 milioni, con una spesa ridotta a 870 milioni di euro.