Bonus cinema 2022: pubblicato l’elenco dei beneficiari

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
08/01/2023

Il Ministero della Cultura ha reso disponibili gli elenchi dei soggetti beneficiari del bonus produzione cinema, ricerca e formazione, tv/web e videoclip, il credito d’imposta del 100% riconosciuto alle imprese di produzione cinematografica e audiovisiva. Vediamo insieme come funziona la misura.

camera-g2e3b4ac8f_1920

Con notizia pubblicata sul sito della Direzione Generale Cinema ed Audiovisivo, è stata comunicata la pubblicazione dei soggetti beneficiari del bonus cinema 2022, il credito d’imposta riconosciuto per la produzione di opere cinematografiche, ricerca e formazione, tv/web e videoclip.

Vediamo nel seguente articolo a chi spetta la misura.

Bonus cinema 2022: online l’elenco dei beneficiari

Bonus cinema 2022: pubblicato l’elenco dei beneficiari
Close-up of male hands typing on laptop keyboard indoors. Businessman working in office or student browsing information

 

La Direzione Generale Cinema e Audiovisivo ha comunicato gli esiti finali delle istruttorie relative al bonus produzione cinema, ricerca e formazione, tv/web e videoclip. La pubblicazione dei rispettivi decreti sul sito istituzionale della Direzione Generale costituisce comunicazione ufficiale ai beneficiari indicati nelle tabelle allegate ai provvedimenti, che, di conseguenza, non riceveranno ulteriori notifiche via Pec.

I crediti d’imposta sono utilizzabili dal 10 del mese successivo alla loro assegnazione e, quindi, dal 10 gennaio 2023.

Bonus cinema 2022: cos’è e a chi spetta

Cinema

Come specificato in una nota della Direzione Cinema ed Audiovisivo, sono ammissibili al credito d’imposta del 100% le sole società di capitali. Questi i dettagli della misura:

  • per le opere tv e web di finzione e di documentario, il credito è calcolato sull’85% del costo eleggibile;
  • le richieste esclusivamente definitive devono essere presentate dopo aver richiesto la nazionalità definitiva ed entro 180 giorni dalla data di prima diffusione in pubblico per le opere di ricerca e formazione e i videoclip, dalla data di deposito della copia campione per le opere tv e web e dalla data di conferma della classificazione per le opere cinematografiche;
  • sono ammissibili anche le spese sostenute per l’adozione di protocolli volti a ridurre l’impatto ambientale delle produzioni audiovisive.

La misura prevede che:

  • in caso di presentazione della sola richiesta definitiva di credito d’imposta, all’esito positivo dell’istruttoria sarà riconosciuto e comunicato all’Agenzia delle Entrate per l’utilizzo in compensazione il 100% dell’importo approvato,
  • in caso di richiesta preventiva e relativa approvazione, sarà riconosciuto subito il 40% dell’importo e il restante 60% a seguito di approvazione della richiesta definitiva.