Bonus cinema, biglietti a 4 euro: per chi e come funziona

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
19/11/2022

Nuovo bonus cinema in arrivo per i cittadini. Ad annunciarlo è stato direttamente il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, che ha comunicato uno stanziamento da 10 milioni di euro che consentirà alle sale cinematografiche di applicare un prezzo finale del biglietto non superiore a 4 euro. Vediamo tutti i dettagli della nuova misura in arrivo.

movie-theater-g71f6e46dd_1920

 

Arriva il bonus cinema per i cittadini. Grazie ad uno stanziamento di 10 milioni di euro, le sale cinematografiche potranno applicare importanti sconti sui prezzi finali dei biglietti per i film.

Ma non tutti potranno beneficiare dell’agevolazione: per ottenere lo sconto sul biglietto, infatti, occorrerà essere in possesso dello SPID.

Vediamo tutti i dettagli nel seguente articolo.

Bonus cinema per i cittadini: come funziona?

Cinema

Il bonus cinema ideato dal nuovo Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano permetterà a tutti i cittadini di ottenere uno sconto sul prezzo del biglietto applicato direttamente al botteghino della sala cinematografica. Il costo del biglietto, nello specifico, sarà di 4 euro a spettatore, ma la riduzione sarà valida esclusivamente per coloro che sono in possesso dello SPID.

Queste le parole del Ministro nell’annunciare la nuova agevolazione:

Si potrà andare al cinema usufruendo di uno sconto di 3-4 euro tramite lo SPID, da parte di tutti e fino a quando non si esaurirà lo stanziamento di 10 milioni di euro, già impostato e a cui va data attuazione.

Secondo quanto spiegato dallo stesso Ministro, gli spettatori in possesso di Spid intenzionati a fruire del bonus potranno generare un coupon, di durata limitata, sotto forma di QR Code. Tale coupon dovrà essere presentato ai botteghini per beneficiare dello sconto sul prezzo del biglietto.

Ma come è sostenibile questa agevolazione? Le sale cinematografiche, già dotate delle tecnologie necessarie per gestire il meccanismo, per ciascun tagliando staccato nell’arco temporale di tre mesi, ad un prezzo non superiore ad un determinato importo (tra i 6 e i 7 euro), riceveranno dallo Stato un contributo pari a 3 euro, che consentirà a tutte loro di applicare un prezzo finale del biglietto non superiore a 4 euro.