Bonus colesterolo 2022: come funziona, domanda e scadenza

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
25/04/2022

Il bonus colesterolo consiste in un assegno erogato dall’Inps per quei cittadini che presentano alti valori di colesterolo nel sangue e può raggiungere un massimo di 525 euro. Vediamo insieme come funziona l’agevolazione e quali sono gli importi.

medical-equipment

Lo Stato italiano prevede la possibilità di usufruire di determinate agevolazioni nel caso in cui si soffra di specifiche patologie. È il caso del cosiddetto bonus colesterolo, il quale consiste in un assegno erogato dall’Inps per coloro che presentano valori del colesterolo alti.

Il bonus viene riconosciuto a coloro che hanno un valore del colesterolo maggiore o uguale a 40 mg/dl e può raggiungere un importo massimo di 525 euro.

Vediamo insieme di cosa si tratta.

Bonus colesterolo 2022: come funziona

medical-health-analysis-word-chartNel caso in cui si riscontrino degli alti valori di colesterolo presenti nel sangue, l’Inps prevede un assegno il cui importo può raggiungere i 525 euro.

Un valore del colesterolo presente nel sangue viene considerato alto se maggiore o uguale a 40 mg/dl. Un valore del genere, insieme ad una familiarità documentata, è riconosciuta fra le principali cause di malattie cerebro-vascolari invalidanti come l’ictus e l’infarto. Per questo motivo si prevedono degli esoneri di pagamento del ticket sanitario.

Bonus colesterolo 2022: importi

money-1005479_1920Per ottenere il riconoscimento dell’invalidità civile, e dunque del relativo compenso economico, è innanzitutto necessario farsi rilasciare un certificato di malattia, il quale deve poi essere inoltrato per via telematica. Successivamente, la Commissione medica dell’Inps provvede a contattare il richiedente e a stilare un rapporto sulle condizioni di salute del soggetto richiedente e sulla sua difficoltà nello svolgere delle azioni necessarie nella vita di tutti i giorni. In base a questo si stabilisce una percentuale di invalidità civile.

La stessa commissione determinerà anche l’eventuale necessità del soggetto di un’indennità di accompagnamento.  Da queste valutazioni si determinerà l’importo dell’assegno che va da 291 a 525 euro. Quest’ultimo è concesso generalmente in caso di problemi di salute permanenti, come ad esempio in caso di difficoltà nella deambulazione.