Bonus condizionatori: scadenza vicina, ecco come ottenerlo!

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
03/09/2022

Si avvicina la scadenza del bonus condizionatori, che come di consueto si conferma uno dei bonus più apprezzati dagli italiani. Per coloro che sono ancora indecisi se utilizzarlo o meno, la scadenza è comunque molto vicina e non c’è tempo da perdere. Vediamo quando scade e come si può richiedere il bonus condizionatori.

Condizionatori

Il bonus condizionatore 2022, sarà richiedibile entro il 31 Dicembre 2022. Ma vi sono delle importanti novità che consentono un accesso al bonus semplificato. Tale possibilità è offerta dal così detto bonus casa: il massimale di spesa consentito è di 96 mila euro, e non richiede la sostituzione del vecchio impianto invernale.

Vediamo i dettagli della vicenda nel seguente articolo.

Come e quando si può ottenere il bonus condizionatori?

condizionatori bonus

Come e quando si può avere il bonus condizionatori 2022? Per quanto riguarda le tempistiche, il bonus per il 2022 può essere richiesta entro il 31 Dicembre 2022, dunque la scadenza si avvicina. Per gli anni successivi, sono stati stanziati fondi fino al 31 Dicembre 2024. Il bonus consente di avere uno sconto del 50% o del 65%. Per il primo è necessario inviare all’Enea il così detto bonifico parlante, da inviare entro 90 giorni dalla fine dei lavori.

Per quanto riguarda lo sconto del 65% sarà sufficiente inviare, oltre al bonifico precedentemente esposto, la «scheda descrittiva dell’intervento» redatta da un tecnico abilitato, cioè ingegnere, architetto, geometra o perito iscritto al proprio albo professionale. Vanno inoltre conservati gli originali della «scheda descrittiva dell’intervento» e le schede tecniche delle pompe di calore installate e l’asseverazione, redatta da un tecnico abilitato.

Bonus condizionatori: averlo ora è più semplice che mai!

Condizionatori

Essere beneficiari del bonus condizionatori è più semplice grazie all’aggiunta di questo al bonus casa. Montare un condizionatore, anche se come detto non di classe energetica volta al risparmio o di sostituzione della sola pompa di calore, si potrà usufruire della detrazione del 50% senza dover per forza aver effettuato delle opere edilizie.

Questa previsione è teoricamente prevista per i condizionatori d’aria di ultima generazione, mentre per il bonus casa ciò non deve per forza avvenire. L’unica cosa che si deve fare è attestare che l’intervento rientra tra quelli agevolabili.