Bonus dicembre 2022 in scadenza: quali sono e come funzionano

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
03/12/2022

Sono diversi i bonus in scadenza questo mese, mentre altri sono stati prorogati per il prossimo anno tramite la nuova legge di bilancio. Vediamo insieme quali sono gli incentivi e i bonus che si potranno usare fino al 31 dicembre 2022.

bonus

Dicembre è l’ultimo mese di questo 2022 e con esso arrivano le scadenze per molti dei bonus in vigore nel corso di quest’anno, altri invece saranno modificati a partire dal 2023.

Vediamo insieme quali sono i bonus in scadenza questo mese e quali invece cambieranno dal prossimo anno.

Bonus dicembre 2022: ultime settimane per usufruirne

bonus-2021-03122021

Taglio delle accise sui carburanti

Il nuovo governo ha deciso di modificare il taglio delle accise sui carburanti, in vigore dallo scorso marzo e in scadenza a dicembre 2022. Nello specifico, lo sconto passa da 30,5 centesimi di euro al litro a 18,3 centesimi per la benzina e il gasolio, mentre scende da 0,085 euro per chilogrammo a 0,051 euro per il GPL.

Non si sa ancora se l’esecutivo abbia intenzione di prorogare la misura anche per il prossimo anno.

Bonus edilizi

Per chi ha compiuto il 30% dei lavori entro il 30 settembre 2022, è ancora possibile usufruire del Superbonus 110% per villette unifamiliari e immobili autonomi. L’aliquota di detrazione, invece, passa al 70% per i condomini nel 2024 e una ulteriore al 65% nel 2025. Per i lavori edilizi intrapresi nelle zone colpite dal terremoto, invece, è stata concessa una proroga del 110% fino al 31 dicembre 2025. Per il prossimo anno è prevista una riduzione della detrazione al 90%.

Bonus facciate

Per beneficiare del bonus facciate sotto forma di detrazione di imposta, pari al 60% dei costi sostenuti fino al 31 dicembre 2022, è necessario eseguire interventi finalizzati al recupero o restauro della facciata esterna degli edifici esistenti, anche strumentali, inclusi anche gli interventi di sola pulitura o tinteggiatura esterna.

Bonus barriere architettoniche

Il bonus barriere architettoniche equivale a una detrazione del 75% per le spese effettuate nel corso del 2022 per interventi su edifici già esistenti per un ammontare complessivo non superiore a 96.000 euro moltiplicato per il numero delle unità immobiliari che compongono l’edificio. La detrazione è riconosciuta anche per le spese relative allo smaltimento e alla bonifica dei materiali e dell’impianto sostituito.

Sismabonus

La data del 31 dicembre 2022 coincide anche con la fine del Sismabonus acquisti, la misura rivolta a chi compra dalle imprese degli immobili che sono destinati alla demolizione con ricostruzione. È prevista ancora l’agevolazione al 110% per i rogiti stipulati entro la fine dell’anno, a patto che rispettino le seguenti condizioni:

  • Sottoscrizione del contratto preliminare di vendita dell’immobile regolarmente registrato entro il 30 giugno scorso;
  • Versamento degli acconti mediante il meccanismo dello sconto in fattura e maturato il relativo credito d’imposta.

Bonus mobili

A partire dal 2023, la detrazione del bonus mobili pari al 50% per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici in classe energetica efficiente, insieme a un lavoro di ristrutturazione edilizia, subirà una riduzione del limite massimo della spesa che passerà dai 10 mila euro del 2022 a 5 mila euro, che rimane confermato fino al 2024.

Bonus trasporti

Il credito per il bonus trasporti, del valore di 60 euro per acquistare abbonamenti mensili o annuali per il trasporto pubblico, è in scadenza alla fine dell’anno. La misura è stata introdotta dal decreto Aiuti bis e rifinanziata dal ter, per un totale di 190 milioni di euro. La novità è che dal 1° novembre è nuovamente possibile presentare domanda, e così sarà anche a dicembre, nell’ipotesi in cui non finiscano le risorse a disposizione di viaggiatori e pendolari. In generale, la misura può coprire anche il 100% delle spese per l’acquisto o il rinnovo di abbonamenti, ma non può superare il tetto dei 60 euro.

Bonus tv e decoder

Anche il bonus tv e decoder è dato in scadenza al termine del 2022. Secondo alcune stime servirebbero ulteriori 100 milioni di euro per rifinanziare la misura nel 2023. Il governo non si è espresso al riguardo.