Bonus dipendenti 3.000 euro: cosa devono fare i datori di lavoro?

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
24/12/2022

Con il messaggio n. 4616 del 22 dicembre 2022, l’INPS ha fornito le istruzioni per i datori di lavoro relative alle operazioni di conguaglio e recupero del bonus di 3.000 euro per i dipendenti, che rappresenta il valore sotto il quale i fringe benefit erogati non sono sottoposti a tassazione. Vediamo insieme tutti i dettagli a riguardo.

flat-lay-business-man-checking-finance-manners

L’INPS, con il messaggio n. 4626 del 22 dicembre 2022, ha reso note le istruzioni per i datori di lavoro in merito al conguaglio e al recupero del valore dei beni e servizi erogati ai dipendenti a titolo di fringe benefit.

Vediamo nel seguente articolo cosa devono fare.

Bonus dipendenti 3.000 euro: di cosa si tratta?

covid-19-global-economic-crisis

Con il messaggio n. 4616 del 22 dicembre 2022, l’INPS ha aggiornato le istruzioni per i datori di lavoro interessati al cosiddetto bonus dipendenti, inteso come il valore di beni e servizi sotto il quale i fringe benefit erogati non sono sottoposti a tassazione.

Per il periodo d’imposta 2022, il limite massimo di esenzione è stato portato a 3.000 euro e sono state aggiunte nuove tipologie di benefit, come il bonus carburante, introdotto dalla circolare n. 35/E dell’Agenzia delle Entrate dello scorso novembre, e le somme erogate a copertura delle utenze domestiche.

I datori di lavoro potranno esporre i dati nella sezione “PosContributiva” del flusso UNIEMENS in diverse modalità, a seconda del periodo di riferimento.

Bonus dipendenti 3.000 euro: le istruzioni per i datori di lavoro

euro-money-euro-currency-coins-stacked-on-top-of-each-other-in-different-positions-against-the-background-of-euro-banknotes-business-finance-concept-business-news-splash-screen-banner-mockup-min

Nello specifico, i datori di lavoro avranno a disposizione tre diverse opzioni per esporre i dati dell’operazione di conguaglio nel flusso UNIEMENS.

Per le denunce di competenza dicembre 2022, dovranno utilizzare la sezione “VarRetributive” con le specifiche variabili retributive:

  • FRIBEN, da utilizzare per la competenza specifica in cui c’è un imponibile da abbattere, con riferimento all’importo del fringe benefit per la medesima competenza;
  • FRBDIM, da utilizzare, eventualmente congiuntamente a FRIBEN, nel caso in cui per la competenza specifica c’è eccedenza massimale;
  • FRBMAS, da utilizzare per riportare nell’imponibile parte dell’eccedenza massimale presente nelle denunce di competenze successive a quelle interessate dai fringe benefit, per effetto della diminuzione degli imponibili delle competenze precedenti.

Per le denunce di competenza gennaio e febbraio 2023, invece, i datori di lavoro prima di procedere all’invio dovranno dichiarare di avvalersi della procedura di recupero tramite cassetto bidirezionale, utilizzando lo specifico oggetto “FRINGE BENEFIT FINO A 3.000 euro”.