Bonus edilizi: a quanto è tassata la cessione del credito?

L’acquisto di crediti edilizi rappresenta un’opportunità vantaggiosa per le imprese e i privati per pagare le imposte e i contributi previdenziali. Tuttavia, è necessario considerare attentamente il trattamento fiscale e contabile del credito in base alla categoria del soggetto che lo acquista. Vediamo insieme nel dettaglio come funziona per le imprese e per i privati.

money-1-min

Grazie ai bonus fiscali come il superbonus, il bonus ristrutturazione e il sisma bonus esiste l’opportunità di acquistare crediti edilizi. Questi crediti possono essere utilizzati per pagare le imposte e i contributi previdenziali e, se acquistati a un prezzo inferiore al valore nominale, rappresentano un’opportunità conveniente per le imprese e i privati. Tuttavia, il differenziale tra il valore nominale e il prezzo di acquisto potrebbe essere soggetto a tassazione, ed è quindi necessario fare una distinzione tra imprese e privati.

Cessione del credito: come funziona per le imprese

money-2

Nel caso delle imprese, la risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 105 del 2020 ha stabilito che la differenza tra il valore nominale e il prezzo di acquisto del credito rappresenta una sopravvenienza attiva che concorre alla formazione del reddito imponibile dell’anno in cui il credito è stato acquisito. Per quanto riguarda il trattamento contabile, l’OIC ha chiarito che la società cessionaria rileva il credito tributario valutato ai sensi dell’OIC 15 e può utilizzarlo in compensazione o cederlo.

Cessione del credito: come funziona per i privati

money-3

Nel caso dei privati, la prima cessione del credito è libera anche dopo lo stop alla cessione, e i privati possono decidere di acquistare un credito edilizio. Tuttavia, non è chiaro se la differenza tra il valore nominale e il prezzo di acquisto del credito sia soggetta a tassazione per i cessionari privati. In attesa di chiarimenti, potrebbero entrare in gioco le regole di tassazione previste per le plusvalenze o per i redditi di capitale.

Lascia un commento