Bonus edilizi: attenzione al riciclaggio di denaro

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
18/07/2022

I bonus edilizi continuano ad essere nell’occhio del ciclone per quanto riguarda le segnalazioni fatte all’antiriciclaggio: per tale motivo si sta riflettendo molto sulla loro eventuale proroga o meno. In tali segnalazioni, spicca quanto siano inefficaci gli enti territoriali: vediamo insieme come mai e come si può migliorare.

superbonus 110

Gli enti territoriali si sono dimostrati i peggiori nelle segnalazioni di eventuali comportamenti illeciti in materia di bonus edilizi e non solo. Gli illeciti sono solitamente collegati al riciclaggio di denaro sporco, che le società e i privati effettuano quotidianamente. Il problema è l’inefficienza dei soggetti che teoricamente sono incaricati di gestire la questione.

Come è possibile migliorare il trend? Scopriamolo insieme nel seguente articolo.

Antiriciclaggio: il fallimento degli enti territoriali

CISA lavori superbonus

I numeri sulle segnalazioni di atti di riciclaggio destano particolare preoccupazione per quanto riguarda il totale fallimento del sistema di segnalazione degli enti territoriali. Questi sono teoricamente gli enti competenti in materia, che devono essere vigili più di tutti sul corretto avvenimento delle fasi istruttorie e non di bonus, bandi etc.

Questo desta particolare preoccupazione in quanto nel Pnrr è specificatamente previsto che è necessario raggiungere gli obiettivi in tema di efficienze degli enti territoriali. Quelli italiani sembrano essere affetto dallo stesso problema: quello della corruzione. Il problema in Italia è molto serio, ed è uno dei principali con cui le mafie hanno intenzione di muoversi.

Antiriciclaggio: quali sono i rischi per l’Italia?

Soldi

Eventuali falle di sistema dovute alla corruzione all’interno degli enti preposti al controllo sull’antiriciclaggio, potrebbero rappresentare un enorme problema per il paese. I soldi che stanno per arrivare dall’Unione Europea sono moltissimi, tanto che le mafie si stanno già sfregando le mani per capire come metterci le mani.

L’Uif, Unità di informazione finanzaria, una branchia di Banca d’Italia, ha dichiarato di aver già scovato dei tentativi di infiltrazioni mafiosi negli appalti che saranno finanziati con i fondi europei. In un periodo del genere, sperperare denaro che è oro per il nostro paese è assolutamente incosciente e pericoloso.