Bonus facciate: come richiedere l’asseverazione di congruità?

Il bonus facciate è stato rinnovato, seppur con aliquota ridotta al 60%, fino al 31 Dicembre 2022. In molti si chiedono se è possibile richiedere l’asseverazione di congruità dei prezzi, già nella fase in cui viene fissato il preventivo da parte del professionista. Approfondiamo la questione.

Facciate

I bonus edilizi per immobili sono sempre in voga, in particolare dopo il periodo del primo lockdown, trinati fortemente dal Superbonus 110%. Molti di questi infatti hanno ottenuto la proroga e il rifinanziamento anche per gli anni a venire: tra questi si annovera anche il bonus facciate. L’agevolazione che consente di ottenere una detrazione del 60% delle spese effettuate nel 2022.

Dato l’obbligo di stipula dell’asseverazione dei prezzi, è possibile averla già nella fase di preventivo? Scopriamolo insieme.

Bonus facciate: si può avere l’asseverazione dei prezzi in fase di preventivo?

Facciate

La domanda è stata posta da molti contribuenti e riguarda la possibilità di poter usufruire dell’asseverazione di congruità dei prezzi, già a partire dal preventivo effettuato da un professionista. A rispondere a questo quesito interviene l’Agenzia delle Entrate affermando che, per richiedere l’asseverazione dei prezzi è necessario che i lavori siano già iniziati, in quanto sono necessarie le fatture emesse.

Dunque non è possibile 0ttenerla a partire dal preventivo, in quanto nessun tecnico professionista può rilasciarla senza l’inizio effettivo dei lavori. L’Agenzia inoltre consiglia di interpellare più ditte, in modo da poter valutare la congruità dei prezzi in maniera più convincente e piena.

Bonus facciate: rinnovo anche per il 2022

Facciate

Il bonus facciate è stato rinnovato e rifinanziato dalla nuova Legge di Bilancio, subendo però alcune modifiche alle regole essenziali. Tra queste vi è sicuramente l’aliquota di detrazione, che è stata abbassata dal 90%, prevista per il 2021, al 60% per tutti i lavori effettuati entro il 31 Dicembre 2022.

Rientrano nel bonus facciate i lavori di ristrutturazione di pareti esterne, interne solo se visibili dall’esterno, di edifici che sono posti nelle zone omogenee A e B. Il bonus facciate non ha limitazioni di spesa e si può utilizzare in vari modi, ossia:

  • detrazione fiscale da recuperare in 10 anni;
  • sconto in fattura;
  • cessione del credito.

Lascia un commento