Bonus famiglie 2023: tutte le agevolazioni, i bonus e gli sgravi

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
30/11/2022

Nel 2023 sono diverse le misure previste e confermate dal governo Meloni per le famiglie e la natalità. Vediamo insieme quali sono i bonus, gli sconti e le agevolazioni a cui si potrà accedere il prossimo anno.

top-view-hands-with-paper-cut-family-min (1)

Per il prossimo anno, il governo Meloni ha introdotto una serie di misure rivolte alle famiglie, confermandone e prorogandone alcune già previste per l’anno in corso.

Gli interventi vanno dal congedo parentale all’assegno unico e familiare fino al taglio dell’Iva su prodotti per l’infanzia e l’igiene intima femminile. Vediamone insieme alcune.

Bonus famiglia: tutte le misure previste per il 2023

top-view-people-holding-in-hands-cute-paper-family-min

Tra le misure rivolte alle famiglie e soprattutto alla natalità che sono state confermate per il 2023 troviamo il congedo parentale, l’assegno unico e il taglio dell’Iva su pannolini e assorbenti.

Congedo parentale

Il congedo parentale è un periodo di astensione facoltativo dal lavoro concesso ai genitori per prendersi cura del proprio figlio nei suoi primi anni di vita, fino al 12esimo anno di età. Le lavoratrici e i lavoratori dipendenti devono avere un rapporto di lavoro in corso.

A partire dal 13 agosto, il congedo parentale può essere utilizzato da entrambi i genitori entro 9 mesi, e non più entro i 6 mesi, come inizialmente previsto, e l’indennità viene riconosciuta, indipendentemente dal reddito, fino ai 12 anni di età del figlio.

Il periodo di fruizione per i padri è stato confermato a 10 giorni con retribuzione piena, mentre le neomamme possono usufruirne per più di un mese, con una retribuzione pari all’80% e non più al 30%.

Assegno unico

L’Assegno Unico Universale è la misura economica a sostegno delle famiglie con figli a carico entrata in vigore a inizio 2022. Il nome della misura deriva dal fatto che andrà a sostituire la maggior parte delle misure erogate finora per i figli a carico.

A partire dal 2023, gli importi, le maggiorazioni e anche le soglie ISEE previste per l’assegno unico cambieranno in base al tasso di inflazione, che dovrebbe attestarsi intorno all’8%.

Taglio dell’Iva

Il governo ha deciso di ridurre l’imposta su alcuni prodotti per l’infanzia, come latte in polvere, pannolini, seggiolini per autoveicoli e molto altro, e l’igiene intima femminile.

Nello specifico, l’Iva è stata ridotta dal 10 al 5% per entrambe le categorie.