Bonus figli disabili 2023: cos’è, domanda e scadenza

I genitori divorziati o disoccupati monoreddito con un figlio disabile a carico possono accedere a un bonus a loro dedicato il cui importo può arrivare fino a 500 euro. Vediamo insieme di cosa si tratta e come funziona. 

side-view-disabled-woman-by-the-elevator-min

L’Inps ricorda che c’è tempo fino al 31 marzo per presentare domanda per il bonus mensile da 150 euro destinato ai genitori con figli disabili a carico. La misura è stata introdotta dalla legge di bilancio 2021 ed è valida per tre anni, ma potrebbe essere prorogata. L’importo iniziale stanziato nel fondo dedicato è di 5 milioni di euro.

Cos’è il bonus figli disabili

medium-shot-disabled-man-wearing-mask

Il bonus spetta esclusivamente ai genitori disoccupati o monoreddito, appartenenti a nuclei familiari monoparentali, che hanno un figlio disabile a carico e non dispongono di redditi sufficienti per sostenerlo.

A chi spetta

Il limite di reddito annuo per richiedere il bonus è di 8.145 euro per i lavoratori dipendenti e di 4.800 euro per i lavoratori autonomi. La misura si riferisce a nuclei familiari monoparentali con figli a carico e il richiedente deve essere residente in Italia, avere un ISEE non superiore a 3.000 euro e un figlio con disabilità non inferiore al 60%.

Come funziona il pagamento

Il bonus è di 150 euro al mese per ogni figlio disabile a carico e può essere cumulato con il reddito di cittadinanza, con l’indennità di accompagnamento e con altri bonus erogati dai Comuni. Se il figlio disabile è ricoverato in istituti di cura o in ospedale, l’Inps sospende l’erogazione dei pagamenti. Il pagamento inizia a gennaio di ogni anno e può essere sospeso se non sono rispettati i requisiti richiesti durante il periodo di godimento.

Domanda e scadenza

Per ottenere il bonus, è necessario presentare domanda all’Inps entro il 31 marzo di ogni anno. L’istituto verifica la sussistenza dei requisiti richiesti e l’istanza ha una validità di 12 mesi, per cui deve essere rinnovata a scadenza per poter continuare a beneficiare della misura di sostegno. Se il richiedente ha due figli disabili a carico, spettano 300 euro al mese, mentre se ha tre o più figli disabili a carico, l’indennità sale a 500 euro. Il bonus non è soggetto a imposizione fiscale.

Lascia un commento