Bonus funerale 2022 esiste davvero? Cos’è e dove spetta

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
23/10/2022

Il bonus funerale esiste veramente? Sembrerebbe di sì, ma non si tratta di un bonus erogato dallo Stato, bensì di un’agevolazione pensata da una ditta di onoranze funebri. Vediamo insieme di cosa si tratta.

interior-details-catholic-church-with-wooden-benches

Nelle ultime ore si è diffusa la notizia dell’esistenza di un bonus funerale ma è stata preso smentita. Ma come è possibile allora che se ne sia parlato? La verità è che una ditta di Casoria ha lanciato una sorta di detrazione fiscale sulle spese necessarie alle esequie del deceduto sulla basse dell’ISEE.

Le informazioni a riguardo del bonus sono apparse su un cartellone pubblicitario. Vediamo insieme in cosa consiste e a chi spetta.

Bonus funerale: cos’è

front-view-burning-candles-with-red-flower-dark-surface

Secondo quanto apparso sul cartellone pubblicitario della ditta di onoranze funebri di Casoria, il bonus funerale consisterebbe in una detrazione dal valore di 650 euro da applicare sul costo direttamente in fattura per chi a un ISEE inferiore ai 30 mila euro.

La segnalazione

front-view-burning-candles-pitch-black-surface

Tuttavia, è bene fare alcune precisazioni circa l’agevolazione in questione, poiché non si tratta di un bonus di Stato. A tal proposito, l’Associazione per i diretti degli utenti e consumatori (Aduc) ha fatto una segnalazione in quanto la pubblicità della ditta sembra far intendere che si tratti di un bonus statale. Infatti, il cartellone indicava chiaramente l’applicazione ai residenti di tutti i comuni ma  lo sconto in fattura verrebbe applicato dalla ditta stessa.

Per questi motivi, l’Aduc ha deciso di procedere con la segnalazione:

Una serie di elementi idonei a lasciar erroneamente presupporre l’esistenza di un “bonus funerale” erogato dallo Stato, insomma, e che non si tratti invece – come effettivamente è – di uno sconto in fattura applicato dall’impresa.

Per questo motivo abbiamo presentato una segnalazione all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato. Sarebbe infatti molto pericoloso se nelle comunicazioni commerciali si affermasse un simile modus operandi, in quest’epoca appunto di veri bonus applicati a tutto spiano.