Bonus idrico 2021: ISEE, quando arriva e quanto vale?

09/06/2021

La legge di Bilancio 2021 aveva previsto l’attuazione di un bonus idrico per incentivare le famiglie a sostituire i vecchi impianti in modo da consentire un maggior risparmio di acqua e di energia. Circa 20 sono i miliardi che dovrebbero essere investiti in questa iniziativa, che però non è ancora partita: perché? 

Progetto senza titolo – 2021-06-09T103259.794

Tra le misure previste nella legge di Bilancio del 2021, c’era anche la definizione del bonus idrico, un incentivo che le famiglie potevano richiedere per sostituire i sanitari e i rubinetti più vecchi, scegliendo invece impianti di ultima generazione che consentano un risparmio energico ma soprattutto idrico.

Per questa misura erano stati previsti ben 20 miliardi, in modo da favorire la scelta di impianti moderni da parte di tutti gli italiani. Un’iniziativa che era stata anche approvata dal Senato, ma che non è mai partita, anche per le tante urgenze che in questi mesi il governo ha dovuto affrontare.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Di recente, si era ipotizzato che potesse partire proprio dal mese scorso, maggio 2021, ma così non è stato. I tanti ritardi hanno fatto pensare che questa misura sia stata definitivamente accantonata, ma il Ministro dell’Ambiente ha smentito questa ipotesi: bisogna ancora attendere, ma il bonus partirà.

Bonus Idrico 2021: che cos’è e chi può richiederlo

Progetto senza titolo – 2021-06-09T103335.651

Il bonus Idrico, nella sua formulazione originaria, prevedeva un contributo di 1000 euro a vantaggio di quanti avessero deciso di sostituire “i sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto” e “la rubinetteria, i soffioni e le colonne doccia con nuovi apparecchi a flusso d’acqua limitato”.

Quanto vale il bonus idrico?

L’incentivo di 1000 euro non dovrebbe essere messo in relazione al livello del reddito Isee del richiedente: unico requisito per poter accedere al bonus è quello di essere persone fisiche residenti in Italia. L’edificio su cui viene effettuata la sostituzione dell’impianto, inoltre, deve essere posto sotto ristrutturazione. Non è consentito, invece, richiedere il bonus per edifici di nuova costruzione.

Come chiedere il bonus idrico

Per le modalità di erogazione non c’è ancora chiarezza: potrebbe trattarsi di una detrazione oppure di un bonus vero e proprio. Su questo ci sarà modo di avere informazioni dettagliate solo quando il bonus idrico 2021 verrà reso operativo dal governo.


Potrebbe interessarti: I segreti della SIAE