Bonus idrico 2022: tutti i dati da inserire nella domanda

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
28/02/2022

Da qualche giorno è operativa la piattaforma del Ministero della Transizione Ecologica da utilizzare per richiedere il bonus idrico, il contributo dal valore di 1.000 euro riconosciuto a chi sostituisce rubinetti, soffioni e vasi sanitari in grado di garantire un risparmio di acqua. Vediamo quali sono i dati da inserire nella domanda.

water-g92c903ee4_1920

Dallo scorso 17 febbraio è possibile presentare la domanda per ottenere il bonus idrico di 1.000 euro, riconosciuto per la copertura di specifiche voci di spesa relative alla fornitura, posa in opera e installazione di apparecchi in grado di garantire un consumo limitato di acqua.

La richiesta va inoltrata nell’apposita piattaforma del Ministero della Transizione Ecologica: vediamo nel seguente articolo come funziona la procedura e quali sono le informazioni da inserire.

Bonus idrico 2022: come funziona

Pure fresh water concept

Il bonus idrico è un contributo di 1.000 euro riconosciuto alle persone fisiche, residenti in Italia, che effettuano i seguenti interventi su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari:

  • la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti;
  • la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.

I soggetti che intendono ricevere il bonus idrico possono farlo dallo scorso 17 febbraio presentando la domanda sulla piattaforma online predisposta dal Ministero della Transizione Ecologica (www.bonusidricomite.it), previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS.

Bonus idrico 2022: i dati da inserire nella domanda

businessman-checking-documents-at-table-min

Queste tutte le informazioni da inserire per poter ricevere il bonus:

  • nome, cognome, codice fiscale del beneficiario;
  • importo della spesa sostenuta, per cui si richiede il rimborso;
  • quantità del bene e specifiche della posa in opera o istallazione;
  • specifiche tecniche, per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, oltre a specifica della portata massima d’acqua (in l/min) del prodotto acquistato;
  • identificativo catastale dell’immobile (Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella, Subalterno) per cui è stata presentata istanza di rimborso;
  • dichiarazione di non avere fruito di altre agevolazioni fiscali per la fornitura, posa in opera e installazione dei medesimi beni;
  • coordinate del conto corrente bancario/postale (Iban) del beneficiario su cui accreditare il rimborso;
  • indicazione del titolo giuridico per il quale si richiede il bonus (proprietario, cointestatario, locatario, usufruttuario ecc.);
  • attestazione del richiedente ove non proprietario o comproprietario, ai sensi del DPR 445/2000, degli estremi del contratto da cui trae titolo;
  • attestazione, ai sensi del DPR 445/2000, di avvenuta comunicazione al cointestatario/proprietario, identificato altresì con nome, cognome e codice fiscale, della volontà di fruire del predetto bonus;
  • copia della fattura elettronica o del documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale del soggetto richiedente il credito.