Bonus idrico 2022, ultimi giorni per le domande: quando scade e come fare

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
28/06/2022

Ultimi giorni per beneficiare del bonus idrico: dovranno essere inviate entro il prossimo 30 giugno le domande per ricevere il rimborso fino a 1.000 euro per la sostituzione di sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto, oppure rubinetti, soffioni e colonne doccia con nuovi apparecchi a flusso d’acqua limitato.

water-g92c903ee4_1920

Bonus idrico 2022: scade il prossimo 30 giugno il tempo utile per presentare la domanda per ottenere il rimborso di 1.000 euro per l’acquisto di rubinetti, sanitari, e non solo.

Vediamo nel dettaglio come presentare l’istanza e quali sono i dati e le informazioni da comunicare.

Bonus idrico 2022: scadenza il 30 giugno

Pure fresh water concept

Il bonus idrico 2022 potrà essere richiesto fino al prossimo 30 giugno. I soggetti che intendono ricevere il bonus devono presentare domanda sulla piattaforma online predisposta dal Ministero della Transizione Ecologica (www.bonusidricomite.it), previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS.

Queste tutte le informazioni da inserire per poter accedere all’agevolazione:

  • nome, cognome, codice fiscale del beneficiario;
  • importo della spesa sostenuta, per cui si richiede il rimborso;
  • quantità del bene e specifiche della posa in opera o istallazione;
  • specifiche tecniche, per ogni bene sostituito da apparecchi a limitazione di flusso d’acqua, oltre a specifica della portata massima d’acqua (in l/min) del prodotto acquistato;
  • identificativo catastale dell’immobile (Comune, Sezione, Sezione Urbana, Foglio, Particella, Subalterno) per cui è stata presentata istanza di rimborso;
  • dichiarazione di non avere fruito di altre agevolazioni fiscali per la fornitura, posa in opera e installazione dei medesimi beni;
  • coordinate del conto corrente bancario/postale (Iban) del beneficiario su cui accreditare il rimborso;
  • indicazione del titolo giuridico per il quale si richiede il bonus (proprietario, cointestatario, locatario, usufruttuario ecc.);
  • attestazione del richiedente ove non proprietario o comproprietario, ai sensi del DPR 445/2000, degli estremi del contratto da cui trae titolo;
  • attestazione, ai sensi del DPR 445/2000, di avvenuta comunicazione al cointestatario/proprietario, identificato altresì con nome, cognome e codice fiscale, della volontà di fruire del predetto bonus;
  • copia della fattura elettronica o del documento commerciale in cui è riportato il codice fiscale del soggetto richiedente il credito.

Bonus idrico 2022: come funziona

brutal-barista-in-black-sweatshot-behind-thick-wooden-table-rinses-small-tranparent-glass-with-water-under-silver-metal-tap-in-cafe-shop-water-drops-out-of-glass-min

L’agevolazione, ricordiamo, consiste in un contributo di 1.000 euro riconosciuto alle persone fisiche, residenti in Italia, che sostituiscono su edifici esistenti, parti di edifici esistenti o singole unità immobiliari sanitari in ceramica con nuovi apparecchi a scarico ridotto, oppure rubinetti, soffioni e colonne doccia con nuovi apparecchi a flusso d’acqua limitato.

Nel dettaglio, il bonus è erogato per le spese sostenute relative a:

  • la fornitura e la posa in opera di vasi sanitari in ceramica con volume massimo di scarico uguale o inferiore a 6 litri e relativi sistemi di scarico, compresi le opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti;
  • la fornitura e l’installazione di rubinetti e miscelatori per bagno e cucina, compresi i dispositivi per il controllo di flusso di acqua con portata uguale o inferiore a 6 litri al minuto, e di soffioni doccia e colonne doccia con valori di portata di acqua uguale o inferiore a 9 litri al minuto, compresi le eventuali opere idrauliche e murarie collegate e lo smontaggio e la dismissione dei sistemi preesistenti.