Bonus Imu 2022: di cosa si tratta e a chi spetta

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
07/01/2022

Tante sono le novità previste per il nuovo anno dalla Legge di Bilancio 2022 e tra queste troviamo il Bonus Imu, la nuova agevolazione pensata per favorire lo sviluppo turistico e per contrastare l’abbandono di quei territori soggetti allo spopolamento. Vediamo insieme di cosa si tratta e a chi spetta.

4968832Tra le novità introdotte per il nuovo anno dalla Legge di Bilancio 2022 troviamo il nuovo Bonus Imu. Lo scopo di tale agevolazione è quello di favorire lo sviluppo turistico e contrastare l’abbandono dei territori considerati più disagiati.

Vediamo insieme in cosa consiste e a chi spetta.

Bonus Imu 2022: di cosa si tratta

landscape-of-hills-covered-in-grass-and-trees-under-a-cloudy-sky-and-sunlight-during-daytime-minLa Legge di Bilancio 2022 è stata approvata dalla Camera dei Deputati il 31 dicembre 2021 per poi essere pubblicata in Gazzetta Ufficiale il 2 gennaio. La Manovra prevede diverse modifiche alle agevolazioni previste negli scorsi anni, ma ne ha anche aggiunte di nuove, tra cui il Bonus Imu.

Il Bonus Imu andrà a coprire il biennio 2022-2023 e l’obiettivo di questa agevolazione è quello di evitare l’abbandono dei territori ritenuti disagiati e favorire lo sviluppo turistico.

Tuttavia, il bonus non si rivolge alla totalità dei contribuenti. Infatti, potranno beneficiare dell’agevolazione soltanto coloro che decidono di trasferirsi o di proseguire con la propria attività all’interno di uno di quei comuni del territorio nazionale soggetto al fenomeno dello spopolamento. La zona geografica interessata dovrà infatti contare su una popolazione complessiva che non vada oltre il numero di soli 500 abitanti residenti.

Bonus Imu applicato agli immobili strumentali

23433-minIl bonus Imu sarà applicato soltanto sugli immobili strumentali, ossia quelle unità immobiliari possedute dagli esercenti e utilizzati unicamente per l’esercizio della propria attività. Si potrà beneficiare dell’agevolazione in base all’ammontare delle risorse stanziate, quali 10 milioni di euro per l’anno corrente, più altri 10 milioni per l’anno 2023.

Un altro importante aspetto del Bonus Imu è la possibilità per lo Stato, le Regioni, le Province autonome e gli Enti locali di concedere alcuni beni immobili di proprietà non utilizzati per fini istituzionali in comodato con un contratto di durata massima di 10 anni.

Tuttavia, diversi sono ancora gli interrogativi a cui ancora non è stata data risposta. Infatti, al momento la natura dei decreti attuativi che porteranno alla realizzazione pratica della normativa è sconosciuta. Inoltre, sono ancora assenti gli strumenti di programmazione degli interventi nei relativi territori.