Bonus infissi 2023: quali sono e come funzionano

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
05/01/2023

La Legge di Bilancio 2023 ha confermato per quest’anno anche il bonus infissi, il quale consiste in un’agevolazione usufruibile attraverso altri bonus: l’ecobonus, il superbonus e il bonus ristrutturazione, anch’essi per il 2023. Vediamo insieme come funziona la misura in questione.

low-angle-shot-of-a-white-building-with-two-windows-min

Il bonus infissi non consiste in una vera e propria misura, bensì è possibile usufruire di una serie di agevolazioni per l’acquisto, l’installazione e la sostituzione di vecchi infissi con nuovi prodotti per migliorare l’efficientamento energetico dell’abitazione. Queste agevolazioni sono il superbonus, l’ecobonus e il bonus ristrutturazione.

Vediamo insieme come funzionano.

Ecobonus: come usare il bonus infissi

empty-door-living-room-interior-backgroundPer poter beneficiare della detrazione prevista dall’ecobonus, è necessario che le parti sostituite o modificate delimitino un volume riscaldato verso l’esterno o verso vani non riscaldati e che garantiscano un valore di conduttività termica minore o uguale al limite stabilito per le fasce climatiche delle differenti zone.

I lavori consentono di ottenere una detrazione fiscale del 50% per una spesa massima di 60 mila euro per ciascun immobile (in alternativa può essere applicato uno sconto in fattura, oppure la cessione del credito d’imposta).

Superbonus: come usare il bonus infissi

simple-window-with-white-curtainSostituire gli infissi può rientrare anche nel superbonus perché si tratta di un intervento trainato: la sostituzione dei serramenti e degli infissi deve configurarsi come sostituzione di componenti già esistenti o di loro parti e non come nuova installazione. Inoltre è necessario l’aumento di almeno due classi energetiche.

I lavori trainati devono essere effettuati congiuntamente agli interventi trainanti ammessi al superbonus. In particolare, le spese sostenute per gli interventi trainati sul singolo appartamento devono essere effettuate nell’intervallo di tempo individuato dalla data di inizio e dalla data di fine lavori per gli interventi trainanti.

Bonus ristrutturazione: come usare il bonus infissi

empty-living-room-interior-design-with-window-white-curtainCon il bonus ristrutturazione è prevista una detrazione fiscale del 50% sul totale delle spese sostenute, per un importo massimo di 96 mila euro. La detrazione viene rateizzata in dieci quote annuali, di pari importo e la casa oggetto dei lavori dovrà risultare in ristrutturazione: sono ammessi interventi di restauro o di manutenzione straordinaria.

Tra gli interventi approvati, anche la sostituzione di finestre, portefinestre, serramenti e tapparelle, purché i nuovi infissi presentino una diversa tipologia di materiale, di dimensioni o di struttura rispetto a quelli già precedentemente installati nell’immobile.