Bonus Inps per papà e mamme single: chi può richiederlo e quanto vale

11/06/2021

Non è ancora attivo, ma presto lo diventerà: il bonus per mamme single rientra nel decreto Sostegni bis ed è pronto per trovare una sua definitiva formulazione. Secondo quanto previsto, il contributo potrà essere sfruttato anche dai papà: vediamo nel dettaglio in cosa consiste! 

Progetto senza titolo – 2021-06-11T130058.367

Dovrebbe arrivare a breve un bonus dedicato alle mamme single: il decreto Sostegni bis, infatti, ha previsto una ridefinizione del contributo che inizialmente era previsto solo per le mamme con figli la cui disabilità di almeno il 60% era stata accertata dall’Asl e che ammontava ad un massimo di 500 euro al mese.

Date le tante perplessità che aveva generato questa formulazione, in primis perché destinatarie del bonus erano solo le madri single, escludendo così i padri e in secondo luogo perché per i minori non viene certificata la percentuale di disabilità (come invece era espressamente richiesto per accedere al contributo), questa misura è stata rivista e ripianificata nel decreto Sostegni bis. 


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Anche se non è ancora entrato in vigore, il governo si è impegnato a garantire questo contributo a tutti i nuclei monoparentali. Potrebbe sembrare una decisione in controtendenza rispetto a quanto era stato annunciato da Mario Draghi, che aveva sottolineato come fosse necessario ridurre il numero di bonus erogati alle famiglie, sostituendoli con l’Assegno Unico.

Bonus per mamme e papà single: a chi spetta?

Progetto senza titolo – 2021-06-11T130705.662

Come si può leggere all’articolo 13-bis del decreto Sostegni, la nuova formulazione del bonus prevede che:

“sia rivolto a tutti i nuclei monoparentali con figli disabili. Cioè non alle mamme single, ma anche ai padri. L’unico requisito è che il nucleo familiare sia monoreddito o che il genitore sia disoccupato”.

Contributo papà e mamma single: quanto vale?

Per il momento, in attesa che venga emanato il decreto attuativo del bonus che darà maggiori informazioni, il contributo prevede sempre la soglia massima di 500 euro come assegno mensile, mentre si attendono nuove indicazioni su come attestare la percentuale di invalidità.

Già stabilito, invece, che il bonus verrà erogato direttamente dall’Inps: per questo sarà necessario accedere e registrarsi al portale attraverso la carta d’identità elettronica, la carta nazionale dei servizi oppure, per chi ne è già in possesso, attraverso la SPID.


Potrebbe interessarti: La stampante ci spia