Bonus integrativo IRPEF 2023: cosa sapere per ottenere l’aumento in busta paga

Il bonus integrativo IRPEF permette ai lavoratori dipendenti di beneficiare di un aumento in busta paga pari a 100 euro al mese. Vediamo insieme quando percepirlo in busta paga o come conguaglio a fine anno o nel modello 730.

money-3

Con l’arrivo della stagione reddituale 2023, si torna a parlare del bonus integrativo IRPEF, un trattamento che i lavoratori dipendenti possono ricevere dal loro datore di lavoro per avere un aumento di 100 euro al mese in busta paga. In questo articolo, vedremo come funziona il bonus e a chi spetta.

Cos’è il Bonus Integrativo IRPEF

money-2

Il Bonus Integrativo IRPEF è un effetto del taglio del cuneo fiscale che ha avuto effetto anche nel 2022. Il bonus consente ai lavoratori dipendenti di ricevere un aumento di 100 euro al mese in busta paga. Tuttavia, il lavoratore può scegliere se percepirlo in busta paga o come conguaglio a fine anno o nel modello 730 dell’anno successivo.

A chi spetta il bonus?

Non tutti i lavoratori dipendenti hanno diritto al bonus integrativo IRPEF, ma solo quelli che soddisfano determinati requisiti. Ad esempio, il bonus è riservato a coloro che hanno un reddito complessivo pari o inferiore a 15.000 euro. Chi ha redditi più alti può comunque fruire del bonus, ma a determinate condizioni che per chi ha redditi fino a 15.000 euro non si applicano. Inoltre, il bonus massimo fruibile è di 1.200 euro e dipende dai giorni lavorati nell’anno precedente.

Come richiedere il bonus

Il bonus IRPEF è un’opzione del lavoratore, quindi può decidere di non riceverlo in busta paga, ma scegliere di riceverlo come conguaglio o richiederlo nel modello 730 dell’anno successivo. Nel modello 730/2023, i lavoratori che non hanno ricevuto il bonus IRPEF in busta paga durante l’anno di lavoro 2022 possono richiederlo come rimborso fiscale. Tuttavia, i requisiti per poterlo richiedere sono molto specifici e vanno ben oltre i requisiti reddituali. Ad esempio, per poter usufruire del bonus, le detrazioni devono essere superiori all’imposta lorda. Il bonus non è fruibile per i redditi superiori a 28.000 euro.

Modello 730/2023

In ogni caso, è consigliabile rivolgersi a un professionista per avere chiarimenti sui requisiti per poter usufruire del bonus e sulle modalità di richiesta. Il vademecum sul bonus integrativo è presente nelle istruzioni del modello 730/2023, e può essere utile per fare il punto sulla situazione.

Ci sono lavoratori che decidono di non ricevere il bonus in busta paga perché non sono sicuri di averne diritto e temono di doverlo restituire. Tuttavia, è importante essere informati sui requisiti per poter usufruire del bonus e sulle modalità di richiesta. In questo modo, si eviteranno problemi e ci si potrà godere appieno i benefici del bonus integrativo IRPEF.

Lascia un commento