Bonus luce e gas 2023: come avere lo sconto in bolletta

Ecco a voi una panoramica su chi sono i beneficiari del bonus luce e gas a giugno 2023, a quanto ammonta il loro valore e quali sono le modalità per ottenere lo sconto in bolletta.

Gas

Questi sconti in bolletta che prendiamo in esame oggi rappresentano un vero e proprio salvagente a cui le famiglie italiane più vulnerabili ed economicamente instabili si aggrappano per far fronte al pagamento delle spese di energia elettrica e gas.

Queste misure sono in campo da tempo grazie alla normativa nazionale, tali agevolazioni statali sono state poi rinforzate, prima dal governo Draghi e poi dall’esecutivo Meloni, nel tentativo di porre una sorta di rimedio all’incredibile rialzo dei prezzi dell’energia. Andiamo allora insieme a vedere chi sono i beneficiari, quali sono i requisiti e a quanto ammontano gli importi dei bonus luce e gas a giugno 2023.

Bonus luce e gas: beneficiari e modalità di richiesta

modern-kitchen-stove-natural-gas-burns-with-blue-flame-household-gas-consumption-close-up-selective-focus

I bonus luce e gas sono riservati a:

  • titolari di utenze domestiche/nuclei familiari in condizioni di disagio economico;
  • nuclei familiari in cui vi è un componente in condizioni di disagio fisico.

In particolare, per i bonus luce e gas in situazione di disagio economico, essi possono essere richiesti nei seguenti casi:

  • con ISEE inferiore a 15.000 euro;
  • con ISEE inferiore a 30.000 euro per le famiglie con almeno 4 figli a carico.

Precisiamo che le famiglie con meno di 4 figli e con indicatore ISEE compreso tra 9.500 euro e 15.000 euro, è prevista una riduzione degli importi all’80% della quota totale.

Parlando invece del bonus elettrico per condizioni di disagio fisico si rende necessario fare richiesta ai Comuni o ai CAF abilitati. Per ottenere il beneficio dobbiamo presentare un certificato ASL che attesti:

  • la situazione di grave condizione di salute;
  • la necessità di utilizzare apparecchiature elettromedicali per supporto vitale;
  • l’indirizzo presso il quale l’apparecchiatura è installata;
  • il tipo di apparecchiatura utilizzata e le ore di utilizzo giornaliero.

Infine diciamo che i due bonus sono cumulabili

Lascia un commento