Bonus mamma in scadenza: come fare domanda per i 3000 euro

Con la deadline del 8 aprile che si avvicina rapidamente, le lavoratrici madri italiane hanno ancora pochi giorni per fare domanda per il Bonus mamma, un sostegno economico una tantum di 3.000 euro introdotto per alleviare le spese familiari. Questo bonus, tuttavia, richiede un processo di domanda attivo che non è automatico, necessitando di una procedura specifica per accedere al beneficio.

Come accedere al Bonus Mamma

Il Ministero dell’Istruzione ha facilitato l’accesso all’esonero contributivo attraverso il lancio di un’applicazione informatica utilizzabile via SIDI (Sistema Informativo per il Dirigente Scolastico). Questo strumento digitale permette alle lavoratrici madri di esprimere la volontà di accedere all’esonero e di inserire i dati necessari per la verifica dei requisiti.

Destinatari Bonus Mamma

L’esonero contributivo è rivolto alle lavoratrici madri con almeno tre figli e un contratto di lavoro dipendente a tempo indeterminato, coprendo i periodi di paga da gennaio 2024 a dicembre 2026, fino al mese in cui il figlio minore raggiunge la maggiore età. Inoltre, in fase sperimentale, il bonus è esteso anche alle madri di due figli per l’anno 2024, fino al mese in cui il figlio minore compie dieci anni.

Procedura semplificata

Grazie all’applicazione messa a punto dal Ministero, il processo di candidatura per l’esonero si semplifica notevolmente, permettendo un’inserimento facile delle informazioni e una verifica automatizzata dei requisiti. Questo significa che le beneficiarie possono ottenere il riconoscimento del bonus più rapidamente, senza gravare ulteriormente sulle segreterie scolastiche con procedure aggiuntive.

Una volta approvata, la somma dell’esonero verrà calcolata secondo le norme vigenti e accreditata direttamente sul conto della lavoratrice madre attraverso il sistema NoiPa.

Opzione alternativa per la richiesta

Per le lavoratrici che preferiscono una via più diretta, è disponibile un’applicazione specifica sul portale dell’INPS, come dettagliato nella Circolare n. 27 del 31 gennaio 2024. Questa opzione fornisce un altro canale attraverso cui le madri possono fare domanda per il bonus, garantendo che nessuno sia escluso dalla possibilità di accedere a questo importante sostegno finanziario.

Con il tempo che scorre, è fondamentale che le interessate agiscano rapidamente per non perdere l’opportunità di beneficiare di questo supporto, destinato a fornire un aiuto concreto alle famiglie in un momento cruciale della loro vita.