Bonus Maroni: cos’è e come funziona?

Con la possibilità di andare in pensione con Quota 103, sarà possibile ottenere anche il nuovo bonus Maroni. Questa operazione ha sicuramente dei vantaggi ma anche degli svantaggi importanti. Cerchiamo di fare chiarezza insieme riguardo a questo tema nel seguente articolo.

Bonus Maroni: cos’è e come funziona?

Il sistema pensionistico italiano ha recentemente introdotto la Quota 103 come una nuova forma di pensionamento anticipato. Mentre coloro che raggiungono i requisiti di età e contributi possono scegliere di uscire dal mondo del lavoro e accedere alla pensione, si è reso disponibile anche il cosiddetto bonus “Maroni“.

Approfondiamo insieme la questione nei prossimi paragrafi.

Quota 103: cos’è e come funziona il bonus Maroni?

Bonus Maroni: cos’è e come funziona?

Dopo il tentativo parzialmente fallito di utilizzare Quota 100 per andare in pensione, nel 2023 è stato introdotto Quota 103, che prevede la somma degli anni di contribuzione e età dia 103. E’ necessario raggiungere i seguenti requisiti entro il 31 dicembre 2023: 62 anni di età e 41 anni di anzianità contributiva. Una volta maturati questi requisiti, il diritto alla pensione anticipata con Quota 103 diventa cristallizzato, consentendo di fare domanda in qualsiasi momento successivo.

Bonus Maroni: come funziona?

Vediamo come funziona il bonus Maroni è uno sgravio contributivo offerto a coloro che, pur avendo i requisiti della Quota 103, scelgono di continuare a lavorare anziché andare subito in pensione. Se, ad esempio, un lavoratore percepisce uno stipendio di 2.000 euro lordi al mese, avrà dritto a un incremento di 183,60 euro al mese.

Come richiedere il bonus Maroni?

Vediamo come è possibile richiedere il bonus Maroni. È possibile presentare la domanda tramite il sito web dell’INPS utilizzando SPID, CIE o CNS, utilizzando i servizi telematici offerti dai patronati riconosciuti dalla legge o contattando il Contact Center Integrato.

Cosa cambia con il bonus Maroni?

Bonus Maroni: cos’è e come funziona?

Quali sono le principali novità introdotte dal bonus Maroni? L’applicazione di questo sgravio contributivo avrà conseguenze sulla futura pensione, poiché il risparmio ottenuto non verrà incluso nel montante pensionistico. Ciò significa che la pensione sarà più bassa.

 

Lascia un commento