Bonus matrimonio 2022, al via le domande: beneficiari e quanto spetta

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
10/06/2022

Hanno preso il via ieri 9 giugno le domande per il bonus matrimonio 2022, la misura di sostegno destinata agli operatori del comparto eventi gravemente danneggiati durante l’emergenza pandemica. Vediamo insieme tutti i dettagli dell’agevolazione.

wedding-couple-cutting-wedding-cake-min

Si è aperta ieri 9 giugno la fase di domanda del bonus matrimonio, il contributo a fondo perduto previsto dal decreto Sostegni bis a favore dagli operatori del settore eventi.

L’agevolazione può essere richiesta dalle attività di wedding, intrattenimento, organizzazione di feste e cerimonie e Hotellerie-Restaurant-Catering, Vediamo da vicino come funziona.

Bonus matrimonio 2022: al via le domande

agenzia-delle-entrate-1200×675

Ieri 9 giugno si è aperta ufficialmente la procedura per richiedere il bonus matrimonio, il contributo a fondo perduto a favore delle imprese del comparto eventi che nell’anno 2020 hanno subito una riduzione del fatturato pari almeno al 30% rispetto a quello del 2019.

Le istanze per il riconoscimento del beneficio possono essere presentate entro il prossimo 23 giugno direttamente all’Agenzia delle Entrate, utilizzando i canali telematici o il servizio web del portale “Fatture e Corrispettivi”, disponibile nell’area riservata previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS.

Nel decreto attuativo del Ministero dello Sviluppo Economico si legge:

Al fine di mitigare la crisi economica derivante dall’emergenza epidemiologica da Covid-19 alle imprese operanti nei settori del wedding, dell’intrattenimento, dell’organizzazione di feste e cerimonie e del settore dell’Hotellerie-Restaurant-Catering (Ho.Re.Ca), sono erogati contributi a fondo perduto per un importo complessivo di 60 milioni di euro, che costituisce limite massimo di spesa.

Bonus matrimonio 2022: importi e beneficiari

money-3481757_1920

Le risorse stanziate dal decreto Sostegni bis per la misura si dividono nel seguente modo:

  • 40 milioni al settore del wedding;
  • 10 milioni al settore dell’intrattenimento e dell’organizzazione di feste e cerimonie;
  • 10 milioni al settore dell’Hotellerie-Restaurant-Catering (Ho.Re.Ca.).

Ricordiamo che non è stato rinnovato per il 2022 il bonus sposi, destinato alle coppie per coprire le spese legate al matrimonio. La misura prevedeva una detrazione fiscale pari al 25% nel triennio 2021-2023, con un tetto massimo di 25.000 euro e con uno sconto massimo di 6.250 euro (da recuperare in cinque quote annuali).