Bonus mobili 2024, brutte notizie: limite massimo dimezzato

Nel 2024, il bonus mobili ed elettrodomestici persiste, pur con una riduzione del budget. Questo incentivo, che copre il 50% delle spese per l’acquisto di mobili e grandi elettrodomestici in concomitanza con lavori edilizi, entra nel suo ultimo anno, a meno di proroghe future.

Dettagli e Rateizzazione del Bonus

Originariamente introdotto nel 2013, il bonus offre una detrazione fiscale del 50% distribuita in 10 rate annuali. Questa agevolazione è valida a partire dalla dichiarazione dei redditi dell’anno fiscale di riferimento.

Lavori di Ristrutturazione Ammissibili

Per accedere al bonus nel 2024, i lavori di ristrutturazione edilizia devono essere iniziati a partire dal 1° gennaio 2023. Questo criterio assicura che il bonus sia mirato a progetti recenti e pertinenti.

Limite di Spesa Ridotto

A differenza degli anni precedenti, il limite massimo di spesa per il bonus è stato ridotto a 5.000 euro per il 2024, una diminuzione significativa rispetto ai 10.000 euro del 2022 e ai 8.000 euro del 2023.

Requisiti per Elettrodomestici e Mobili

I requisiti per accedere al bonus rimangono invariati, con particolare attenzione alle classi energetiche degli elettrodomestici. Per i mobili d’arredo, sono inclusi oggetti come letti, armadi, scrivanie, divani, e apparecchi di illuminazione.

Lavori Edilizi e Condomini

Il bonus è applicabile a una vasta gamma di lavori edilizi, compresi quelli di manutenzione straordinaria, restauro, e ristrutturazione sia su singoli appartamenti sia su parti comuni dei condomini.

Modalità di Pagamento e Tracciabilità

Il contributo è riconosciuto solo per pagamenti tracciabili come bonifico bancario, carta di debito o di credito. Transazioni come contanti o assegni non sono ammissibili.

Ritenuta e Finanziamenti

Dal 2024, la ritenuta sui bonifici per il bonus aumenta dall’8% all’11%. Il bonus copre anche le spese finanziate a rate, a condizione che la società di finanziamento utilizzi le modalità di pagamento previste per il bonus.

Obbligo di Comunicazione e Documentazione

Viene confermato l’obbligo di comunicare l’acquisto di grandi elettrodomestici all’Enea. Ai fini della dichiarazione dei redditi, è necessario conservare la documentazione dei pagamenti e delle fatture dettagliate degli acquisti effettuati.