Bonus mobili: chi può ottenerlo?

L’Agenzia dell’Entrate ha fornito un importante chiarimento per quanto riguarda il bonus mobili 2023: è stato finalmente specificato a chi spetterà il bonus mobili tra i due coniugi. Approfondiamo dunque la questione insieme, valutando nel dettaglio a chi spetta la detrazione.

Mobili

Il bonus mobili è una delle agevolazioni maggiormente richieste degli ultimi anni da parte dei cittadini italiani, in particolare da coloro che hanno ristrutturato casa e che desiderano poter ricevere delle detrazioni sulle spese eseguite per l’acquisto di mobili ed elettrodomestici. Non è ancora chiaro a quale dei due coniugi spetterà il bonus mobili: cerchiamo di fare chiarezza insieme nei prossimi paragrafi.

Bonus mobili 2023: di cosa si tratta?

Mobili

Cerchiamo di fare chiarezza su come funziona il bonus mobili ed elettrodomestici. Come viene specificato dall’Agenzia dell’Entrate si tratta di:

Una detrazione Irpef per l’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici, destinati ad arredare un immobile oggetto di ristrutturazione.

La base di calcolo per il 2023 è un importo di 8 mila euro.

Bonus mobili: ecco i requisiti per ottenerlo

Facciamo chiarezza per quanto riguarda i requisiti necessari per accedere al bonus mobili. Gli elettrodomestici devono essere: elettrodomestici nuovi (di classe non inferiore alla classe A per i forni, alla classe E per le lavatrici, le lavasciugatrici e le lavastoviglie, alla classe F per i frigoriferi e i congelatori.

Bonus mobili: chi può ottenerlo?

Vediamo nel dettaglio chi può avere accesso al bonus mobili 2023. In generale, è possibile quindi usufruire del bonus mobili ed elettrodomestici da tutti quei coniugi che acquisteranno entro il 31 dicembre 2024 dei mobili e degli elettrodomestici che rispettano determinate condizioni. Ma quali sono i requisiti per accedervi?

Bonus mobili: quale coniuge può ottenerlo?

Mobili

Vediamo quale coniuge può avere il bonus mobili 2023. Nn primo tipo di beneficiario è incluso nella categoria di familiare convivente del possessore oppure del detentore dell’immobile che risulta essere oggetto dell’intervento di ristrutturazione. Inoltre il bonus potrebbe spettare al convivente more uxorio.

Lascia un commento