Bonus musica 2022: requisiti, beneficiari e come utilizzarlo

Luca Paolucci
  • Laurea in Economia e Management
  • Laureato in Management Internazionale
03/10/2022

Il bonus musica 2022 consiste in una detrazione fiscale pari al 19% delle spese sostenute per l’educazione musicale dei ragazzi e delle ragazze di età compresa tra i 5 e i 18 anni. Vediamo nel dettaglio quando spetta il bonus e come utilizzarlo.

piano-gdcc053734_1920

Il bonus musica 2022 è un’agevolazione fiscale volta a sostenere l’educazione musicale dei ragazzi e delle ragazze di età compresa tra i 5 e i 18 anni.

Il bonus, nello specifico, consiste in una detrazione pari al 19% dei costi sostenuti, fino ad un massimo di 1.000 euro: vediamo tutti i dettagli della misura nel seguente articolo.

Bonus musica 2022: cos’è e come indicarlo

Cute young musicians at school music festival

Il bonus musica 2022 è un contributo riservato all’educazione musicale dei più piccoli. La misura, rinnovata dopo il successo ottenuto lo scorso anno, nasce con lo scopo di sostenere le attività di contrasto alla povertà educativa minorile, e consiste in un’agevolazione indirizzata alle famiglie con reddito basso che vogliono favorire lo studio della musica dei loro figli minorenni.

Nel 2022 il bonus viene concesso sottoforma di detrazione fiscale, da applicare alle tasse che vengono pagate tramite dichiarazione dei redditi. La detrazione sarà pari al 19% dei costi sostenuti, fino ad un massimo di 1.000 euro, e spetta esclusivamente per le spese sostenute dai familiari fiscalmente a carico.

Da un punto di vista operativo, il bonus musica trova spazio nel modello 730/2022 nel “Quadro E – Oneri e Spese” nei righi da E8 a E10 della SEZIONE I – Spese per le quali spetta la detrazione d’imposta del 19, del 26, del 30, del 35 e del 90 per cento. L’agevolazione è identificata dal codice 45.

Bonus musica 2022: quando spetta?

office-with-documents-and-money-accounts (2)-min

Il bonus può essere richiesto da tutti i genitori con figli di età compresa tra i 5 e i 18 anni iscritti a:

  • conservatori;
  • scuole di musica riconosciute dalla Pubblica Amministrazione;
  • istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM);
  • bande;
  • cori.

Per accedere all’agevolazione, inoltre, è richiesto da parte del beneficiario un ISEE inferiore ai 36.000 euro.