Bonus nido: ecco come avere tre mila euro

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
09/10/2022

Arriva un nuovo bonus nido da tre mila euro, ma solo per alcune categorie di persone. Si tratta di una validissima alternativa che viene offerta in luogo del bonus Inps, per il quale purtroppo sono terminate le risorse. Vediamo come sarà possibile richiedere il bonus e in quale zona d’Italia.

Bebè

Come abbiamo già anticipato, i fondi del bonus nido Inps sono già terminati e rimane solamente la possibilità di averlo tramite dei bandi regionali. Sfruttando questi sarà comunque possibile utilizzare i bonus messi a disposizione, ma bisognerà essere attenti a leggerli bene onde evitare di rimanere senza.

Una delle Regioni più attive nella pubblicazione di un bonus nido, è la Regione Campania, che ha predisposto un bonus nido da tre mila euro. Vediamo come ottenerlo nel seguente articolo.

Bonus nido Regione Campania: come funziona?

Bebè

Vediamo in primis cos’è e come funziona il bonus nido messo a disposizione dalla Regione Campania. Il bonus non è altro che una misura di inclusione sociale, voluta fortemente dalla Regione come sostegno al reddito per i cittadini. La rapida escalation della guerra in Ucraina ha impoverito le famiglie e sostenerle con dei bonus adeguati è una delle soluzioni più appetibili.

Accedere ai bonus e ai servizi di sostegno per la prima infanzia può essere un metodo assai conveniente, in quanto si andranno ad abbattere i costi e si concorrerà a coprire il costo delle rendite per scuole e asili.

Bonus nido: chi sono i beneficiari?

bebe-gaed2e2621_1920

Vediamo ora chi saranno i fortunati beneficiari che potranno utilizzare il bonus nido nella Regione Campania. Nel dettaglio vediamo che il bonus nido spetterà a nuclei familiari residenti in Campania con minori a carico di età compresa tra i 0 e i 36 mesi che sono iscritti a un asilo nido pubblico o privato.

Se si risulterà essere beneficiari, si potrà ottenere un voucher da tre mila euro, che coprirà il periodo dal 1° settembre 2022 al 30 giugno 2023, che può essere esteso fino al 31 luglio.