Bonus occhiali 2022 retroattivo: si può richiedere anche per acquisti passati?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
29/10/2022

Il bonus occhiali da vista e lenti a contatto sta per partire. Dopo l’approvazione del Garante della privacy, si attende l’avvio della piattaforma per presentare domanda. Nel frattempo, vediamo insieme se il bonus può essere utilizzato anche per gli acquisti passati.

glasses-g19c94902a_1920

Il decreto relativo al bonus occhiali da vista e lenti a contatto ha finalmente ricevuto l’approvazione del Garante della privacy. L’agevolazione è stata istituita nel 2021 ma non erano state ancora comunicate le modalità di presentazione della domanda.

Il bonus consiste in un rimborso dal valore di 50 euro per le spese relativo all’acquisto di occhiali di vista e lenti a contatto. Vediamo insieme se la misura è retroattiva.

Bonus occhiali: è retroattivo?

eyeglasses-ga641a379f_1920

Il bonus occhiali consiste in un contributo una tantum di 50 euro per coloro che presentano un reddito ISEE inferiore a 10 mila euro.

La misura copra le spese effettuate tra il 1° gennaio 2021 e il 31 dicembre 2023 per l’acquisto di occhiali da vista e lenti a contatto e ciò significa che il bonus è retroattivo, in quanto copre gli acquisti effettuati anche lo scorso anno, prima dell’entrata in vigore del bonus.

La misura sarà erogata sotto forma di voucher o, per quanti hanno già sostenuto la spesa, come rimborso.

Come fare domanda

glasses-g65c8d258e_1920

Indipendentemente dal fatto che si sia scelto il rimborso o il voucher, per fare domanda sarà necessario seguire una procedura univoca: l’utente dovrà registrarsi sull’applicazione web, disponibile sul sito del Ministero della salute, tramite autenticazione via:

  • Sistema di identità digitale (Spid);
  • Carta d’identità elettronica (Cie);
  • Carta nazionale dei servizi (Cns).

Se i requisiti reddituali richiesti saranno rispettati, i beneficiari accederanno al voucher direttamente dalla app mentre il rimborso sarà accreditato sulle coordinate Iban che dovranno essere fornite al momento della registrazione con la copia della fattura o della documentazione. Opzione che richiederà la comunicazione all’agenzia delle Entrate dei dati sui rimborsi erogati.