Bonus occhiali e lenti a contatto 2022: cos’è e quando spetta

Il bonus occhiali da vista e lenti a contatto è un’agevolazione introdotta con la Legge di Bilancio 2021 che prevede il riconoscimento di un voucher dal valore di 50 euro a chi ha acquista occhiali nuovi o lenti a contatto. Ad oggi ancora, si attende ancora il decreto con le modalità e le tempistiche per presentare la domanda.

eyeglasses-ga641a379f_1920

Il bonus occhiali da vista e lenti a contatto è un’agevolazione che avrebbe dovuto prendere il via lo scorso anno, ma nonostante l’approvazone in Legge di Bilancio non si conosce ancora la data di partenza ufficiale dell’incentivo,

In attesa di capire quando arriverà il decreto contenente le tempistiche e le modalità da seguire per richiedere il bonus, vediamo nel seguente articolo tutti i dettagli della misura.

Bonus occhiali da vista 2022: come funziona

glasses-gab98dea1a_1920

Il bonus occhiali da vista e lenti a contatto, noto anche come bonus vista, è un contributo una tantum dal valore di 50 euro riconosciuto a chi ha acquistato occhiali nuovi o lenti a contatto nel 2021, nel 2022 o nel 2023, e a chi ha un ISEE non superiore a 10.000 euro.

Il bonus, introdotto con la Legge di Bilancio 2021, può essere utilizzato esclusivamente per l’acquisto di occhiali e lenti a contatto necessari per correggere difetti visivi e patologie degli occhi: di conseguenza, non potrà essere usato per acquistare occhiali da sole o lenti a contatto estetiche (senza alcuna gradazione).

Bonus occhiali da vista 2022: quando arriva?

elegant-smiling-woman-in-glasses-and-striped-shirt-using-laptop-computer-while-siting-at-table-in-kitchen-min

Nonostante l’approvazione della misura nella Legge di Bilancio 2021, che ha stanziato 10 milioni di euro per il biennio 2022-2023, ad oggi si attende ancora il decreto attuativo contenente le informazioni sulle modalità e le tempistiche da seguire per inoltrare le domande.

L’unica cosa certa è che si tratta di un voucher dal valore di 50 euro, ma non è chiaro se verrà erogato direttamente al cittadino oppure agli esercenti. Tra le ipotesi al vaglio c’è quella di un QR code generato da un sito apposito su cui richiedere il bonus e caricare i documenti necessari o, in alternativa, una modalità di richiesta simile a quella adottata per il bonus terme.

Lascia un commento