Bonus PA anti-inflazione: cos’è e a chi spetta?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
30/11/2022

Si amplia ancora il numero dei bonus presenti nel panorama italiano, questa volta però con un’agevolazione ad hoc ideata appositamente per i dipendenti della Pubblica Amministrazione. Si tratta di un bonus dell’1,5%, che costerà allo Stato un totale di 1,8 miliardi di euro. Vediamo nel dettaglio a chi verrà erogato e perché.

Soldi

La Legge di Bilancio ha nel suo corpus di norme, una novità assoluta che riguarda i dipendenti pubblici. A questi saranno infatti erogati più soldi nello stipendio, grazie al bonus anti-inflazione dell’1,5% dello stipendio. La volontà del governo è quella di erogare un bonus omogeneo a tutte le pubbliche amministrazioni che finanziano la spesa di personale con i propri bilanci autonomi.

Approfondiamo insieme la questione e vediamo come funziona il bonus.

Bonus anti-inflazione PA: quanto incide sul bilancio statale?

Soldi

Gli stipendi della pubblica amministrazione sono una delle spese più grandi che lo Stato deve sostenere, in quanto da soli occupano gran parte della spesa totale. Di questi, circa il 55% sono relativi a soggetti non economici come dipendenti dell’INAIL o della scuola. Quanto andrà ad incidere il nuovo bonus sul bilancio statale?

Stando a quanto dichiarato, il bonus peserà per circa 1,8 miliardi di euro, di cui però  solo un miliardo pesa sui saldi di finanza pubblica perché il resto andrà coperto in qualche modo all’interno dei bilanci locali.

Bonus PA: cos’è un emolumento accessorio straordinario?

Soldi

Il nuovo bonus è stato categorizzato come un emolumento accessorio straordinario, ossia un incentivo che viene erogato in favore dei dipendenti quando vi sono delle situazione economiche sfavorevoli e particolari come quelle che stiamo vivendo ora. Per questo motivo si ritiene opportuno versare il bonus ai dipendenti pubblici, anche se non avrà un impatto enorme sui redditi.

In fondo però non si tratta di un vero e proprio bonus anti inflazione, in quanto verrà erogato a coloro che hanno già un reddito superiore alla soglia di povertà, ossia la fascia che verrà colpita di più dall’inflazione.