Bonus patente 2024: come funziona e quanto vale

Il recente introdotto Bonus Patente rappresenta un’opportunità significativa per gli automobilisti in fase di rinnovo della loro licenza di guida. Questo processo, cruciale per mantenere sia la legalità che la sicurezza sulle strade, richiede di prestare attenzione alla data di scadenza indicata sulla patente e di intraprendere le azioni necessarie per il suo rinnovo in tempo, così da evitare penalità.

Per iniziare il rinnovo, è fondamentale compilare adeguatamente i moduli appositi, disponibili sul sito della Motorizzazione Civile o negli uffici preposti, e presentare una marca da bollo da 16 euro, la patente attuale e un documento d’identità in corso di validità.

Un elemento indispensabile del processo è la visita medica, che serve a confermare l’idoneità alla guida del richiedente. Questa visita, che può essere effettuata sia da medici specialisti che da medici di medicina generale, è cruciale per il rinnovo. È importante conservare il certificato medico rilasciato, in quanto verrà richiesto per completare il rinnovo.

Come chiedere il bonus patente

Dal punto di vista fiscale, le spese sostenute per la visita medica necessaria al rinnovo della patente possono essere considerate detraibili nel quadro delle spese sanitarie nella Dichiarazione dei Redditi. In base alla normativa vigente, specificatamente la circolare 7/E del 2021 dell’Agenzia delle Entrate, queste spese possono godere di una detrazione fiscale del 19%, allo stesso modo di altre spese mediche.

Ciò significa che non solo gli automobilisti, ma anche coloro che rinnovano patenti per la guida di motocicli, camion e altri tipi di veicoli motorizzati, possono beneficiare di questa agevolazione fiscale, contribuendo così a ridurre il carico economico rappresentato dal rinnovo della patente.