Bonus pellet: a Dicembre stop all’Iva agevolata

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
16/10/2023

Con l’autunno ormai inoltrato e la stagione termica alle porte, gli italiani iniziano a pensare alle spese per il riscaldamento. Dopo un 2022 caratterizzato da costi energetici elevati, la situazione quest’anno sembra preoccupante a causa del conflitto in corso tra Israele e la Palestina.

Pellet

I prezzi del gas, dell’elettricità e del petrolio stanno crescendo rapidamente, con il metano che ha raggiunto i 40 euro al megawattora. Il Ministro delle Imprese, Adolfo Urso, e l’associazione dei consumatori, Assoutenti, stanno sottolineando i rischi di un possibile aumento delle bollette energetiche. Secondo le stime, le tariffe potrebbero aumentare in media del 15% sia per l’elettricità che per il gas.

Aumento prezzi pellet: quanto si spende di più?

Pellet

Questo si tradurrebbe in una spesa aggiuntiva di circa 115 euro all’anno per l’energia elettrica, portando il costo annuale a 879 euro. Per quanto riguarda il gas, il costo annuale potrebbe aumentare di 199 euro, raggiungendo 1.526 euro.

Ma quale sarà la tendenza dei prezzi del biocombustibile preferito dagli italiani, il pellet, nei prossimi mesi? Secondo i dati diffusi da Aiel, il prezzo del pellet è in calo del 40% rispetto al 2022. Questa riduzione era già iniziata nei primi mesi del 2023 grazie agli incentivi e alle correzioni introdotti dal governo Meloni, tra cui la riduzione dell’IVA.

Bonus pellet: cosa accade dopo la scadenza?

Tuttavia, è importante notare che questa riduzione rimarrà in vigore solo fino a dicembre 2023. Cosa succederà dopo? Vediamo i possibili scenari.

Il pellet è molto amato dagli italiani e, nonostante gli aumenti dei prezzi nel 2022, è rimasto il biocombustibile più conveniente. Molte famiglie lo hanno utilizzato per riscaldare le proprie case, poiché oltre ad essere economico, offre un’elevata efficienza, soprattutto in ambienti ampi.

Prezzo del pellet: perché sembra diminuito?

Negli ultimi mesi, il prezzo del pellet sembra essere ulteriormente diminuito, con un sacco da 15 kg che costa in media circa 6,19 euro. Ma quale sarà il prezzo del pellet nel 2024? Secondo alcune stime, dovrebbe attestarsi tra 230 e 280 euro a tonnellata, con una media di 250 euro a tonnellata, leggermente inferiore rispetto all’inverno scorso, quando il prezzo era di 260 euro a tonnellata.

Prezzo del pellet: da cosa è influenzato?

pellets-on-surface-min

Tuttavia, è importante tenere presente che la riduzione dell’IVA sul pellet scadrà alla fine del 2023, e senza ulteriori misure, l’IVA potrebbe tornare al 22%. Questo potrebbe causare un aumento dei prezzi. Pertanto, è consigliabile considerare l’acquisto di pellet usufruendo dell’IVA agevolata nel 2023 per evitare potenziali aumenti dei costi.

Oltre all’IVA, i prezzi del pellet sono influenzati da diverse variabili, tra cui le condizioni climatiche della prossima stagione termica, le politiche governative e l’inflazione. Gli italiani che si affidano al pellet per il riscaldamento dovrebbero rimanere informati e prepararsi a gestire al meglio le spese energetiche nella stagione invernale imminente.