Bonus per lavoratori fino a 800 euro: come funzionano

La Legge di Bilancio 2024 trasforma il bonus ISCRO in un sostegno strutturale per i lavoratori autonomi con cali di fatturato, mentre il bonus part time da 550 euro si rivolge a dipendenti stagionali part-time, ampliando la platea dei beneficiari e richiedendo specifici requisiti contrattuali e di inattività lavorativa.

bonus

La Legge di Bilancio 2024 trasforma il bonus ISCRO in un sostegno a lungo termine per i titolari di partita IVA che hanno registrato significativi cali di fatturato.

Il bonus part time da 550 euro è pensato per supportare i lavoratori dipendenti con contratti part time stagionali, offrendo un sostegno durante i periodi in cui non lavorano. La recente espansione della platea dei beneficiari permette a più individui di accedere a questo supporto finanziario

Vediamoli nel dettaglio.

Bonus part time da 550 euro: sostegno ai lavoratori stagionali

bonus-2021-03122021

Il bonus part time da 550 euro è stato istituito per sostenere i lavoratori dipendenti con contratti stagionali part-time, offrendo un supporto finanziario durante i periodi di inattività lavorativa.

Quest’anno, la platea dei beneficiari è stata ampliata, consentendo a un maggior numero di persone di accedere a questa misura. La richiesta può essere presentata entro il 15 dicembre 2023 tramite il portale Inps, dando la possibilità di richiedere l’accesso sia per il 2022 che per il 2023. Tuttavia, sono necessari specifici requisiti contrattuali e di inattività lavorativa per beneficiare di questa indennità una tantum.

Requisiti rinnovati per il bonus ISCRO

Il bonus ISCRO, trasformato in un aiuto a lungo termine per i lavoratori autonomi, ha rivisto i criteri di accesso nell’ambito della Legge di Bilancio 2024.

L’aumento del reddito ammissibile a 12.000 euro all’anno e le modifiche alle condizioni relative al fatturato mirano a fornire una tutela più ampia a chi opera in proprio e si trova in difficoltà.

La scadenza per presentare la domanda per questo bonus è il 31 ottobre di ogni anno, richiedendo l’autocertificazione dei redditi prodotti negli anni di interesse.

ISCRO diventa strutturale: nuove possibilità per gli autonomi

Il bonus ISCRO, destinato ai titolari di partita IVA con significativi cali di fatturato, si trasforma in una forma di assistenza a lungo termine per i lavoratori autonomi.

Lascia un commento