Bonus pneumatici: a chi è rivolto il bonus?

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
29/03/2022

Il caro carburanti ha portato molti automobilisti a rivedere i propri progetti di spesa sull’automobile. In soccorso però arriva il bonus pneumatici, ideato dal governo per acquistare pneumatici più performanti e meno inquinanti. Approfondiamo insieme la questione.

Automobili

Dopo aver introdotto in autunno il bonus revisione auto, per recuperare gli aumenti dei costi dovuti all’inflazione, ecco il bonus pneumatici. Il bonus si aggiunge alla lista di agevolazioni e bonus che rientrano nell’ordinamento italiano, introdotto appositamente dal governo nel decreto energia. La sua funzione è quella di far acquistare pneumatici di alta fascia prestazionale, consentendo di avere uno sconto di 200 euro.

Facciamo chiarezza insieme, analizzando come funziona e quali sono i requisiti per accedervi.

Bonus pneumatici 2022: cos’è e come funziona Auto

Cerchiamo di capire in cosa consiste il bonus pneumatici e come funziona. Molti studi hanno accurato che essere in possesso di pneumatici freschi e ad alta classe prestazionale, consente agli automobilisti di risparmiare carburante, oltre ad avere una tenuta di strada migliore, quindi aumentare la sicurezza.

Il risparmio del carburante viene dato al 5-7% in più rispetto ai normali pneumatici: per quali gomme può essere utilizzato?

Il bonus è riservato a coloro che hanno un veicolo rientrante nella classe M1 e che hanno acquistato pneumatici in classe A-B, ossia compatibili con le nuove norme di sostenibilità ambientale.

Bonus gomme: come fare domanda

auto-mechanic-checking-car-min

 

Vediamo ora come è possibile fare domanda per ottenere il bonus gomme. Come detto, il bonus si sostanzia in uno sconto di 200 euro per coloro che hanno acquistato pneumatici ad alta fascia prestazionale, in linea con i principi di eco sostenibilità. Per il bonus il governo ha istituito un apposito fondo, stanziando circa 20 milioni di euro appositamente.

In questo modo si vuole soddisfare un numero di circa 100 mila automobilisti. Non sono ancora state rese note le modalità con cui si potrà fare domanda, ma le opzioni più papabili rimangono il clickday o la graduatoria con ISEE.