Bonus POS e nuovi limiti ai contanti: tutte le novità

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
09/11/2021

Il 2022 sarà un anno ricco di novità per quanto riguarda i pagamenti POS e la circolazione di contanti. Quest’ultima verrà limitata da nuove norme che permetteranno nuovi massimali di pagamenti cash. Per il POS sono previste delle agevolazioni per favorirne la diffusione.

Lotteria-degli-scontrini

Le nuove limitazioni ai pagamenti in contanti avranno degli effetti sulla moneta elettronica. In particolare, se si considerano anche le nuove agevolazioni previste per i pagamenti tracciabili, si assisterà ad un’impennata dell’uso dei pagamenti elettronici.

Gli incentivi per i pagamenti POS saranno sia per gli esercenti sotto forma di credito d’imposta, sia per i clienti che continueranno ad usufruire della lotteria degli scontrini.

Nuovo massimale pagamento in contanti: ecco a quanto ammonta

Bancomat

Il governo si sta impegnando fortemente per la lotta all’evasione e per la transizione digitale, andando ad introdurre nuovi limiti per il pagamento cash. Dal 1° Gennaio 2022 il nuovo limite per i pagamenti in contanti verrà abbassato a mille euro, invece di due mila euro di adesso.

Tale misura è stata introdotta con la Legge di Bilancio 2020, dunque tale aspetto può essere considerato un punto di congiunzione tra il governo Conte II e il nuovo governo Draghi. Dunque per i pagamenti fino a 999,99 euro sarà possibile il pagamento cash, mentre per importi superiori saranno necessari metodi di pagamento tracciabili.

Pagamenti POS: nuovi incentivi

Carta, Di

Per quanto riguarda l’installazione del POS, il governo ha confermato l’introduzione di incentivi per utilizzare tale metodo di pagamento. Questi saranno riservati sia agli esercenti che ai clienti: per i primi saranno previsti i crediti d’imposta mentre per i clienti rimarrà in vigore la lotteria degli scontrini, seppur con alcune novità.

Il credito d’imposta sarà organizzato in tre differenti modalità:

  • uno del 100% sulle commissioni per i pagamenti elettronici;
  • uno in percentuale fino a un massimo di 160 euro per l’acquisto, il noleggio o l’utilizzo di strumenti che consentono forme di pagamento elettronico e per il collegamento con i registratori telematici;
  • l’ultimo, sempre in percentuale fino a un massimo di 320 euro, per gli esercenti che acquistano, noleggiano o usano strumenti evoluti di pagamento elettronico che consentono la memorizzazione e la trasmissione dei dati.

La lotteria degli scontrini sarà caratterizzata da estrazioni istantanee, dunque semplificando il sistema di estrazione. Tali misure hanno lo scopo di aumentare la diffusione del POS tra gli esercenti che è obbligatoria dal 2014, ma essendo esente da sanzioni, si tratta di un obbligo su carta.