Bonus Pos: spunta la possibilità del noleggio degli apparecchi

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
23/05/2022

Abbiamo già parlato del tema del bonus Pos, ma questo è tornato in voga in quanto c’è un’importante novità. Il bonus infatti potrà essere utilizzato non solo per l’acquisto degli strumenti, ma anche per chi ha intenzione di noleggiarli. Vediamo tutte le novità a riguardo.

pos-terminal-in-the-shop-ready-for-work-min

Dal 1° Luglio il Pos diventerà obbligatorio per tutti gli esercenti, i quali non potranno più affermare agli acquirenti di non esserne in possesso o di inventare altre scuse. Si tratta di sostenere costi maggiori, per questo motivo il governo ha deciso di venire incontro agli esercenti predisponendo ben tre bonus per acquistare gli strumenti idonei.

Vediamo insieme cosa è il bonus Pos, in particolare per quanto riguarda il noleggio degli apparecchi.

Bonus Pos: come funziona?

pagamento-carta-contactless-bancomat-bancoposta

Vediamo in primis cos’è e come funziona il bonus Pos, che diventerà molto importante nei prossimi giorni in vista dell’entrata in vigore dell’obbligo di esserne in possesso per ogni attività prestatrice di servizi o vendita di beni. Il bonus avrà un massimale di 160 euro e potrà coprire il 70% delle spese sostenute dai commercianti.

La percentuale di bonus da applicare varia in base l valore dei ricavi che l’esercente ha, infatti:

  • con ricavi al 2021 non superiori ai 200.000 euro, allora si potrà accedere alla percentuale massima di rimborso, ovvero il 70% della spesa sostenuta;
  • con ricavi al 2021 tra i 200.000 euro e 1 milione, la percentuale di rimborso possibile sarà di 40%;
  • infine con ricavi al 2021 tra 1 milione e i 5 milioni, allora il rimborso sarebbe solamente del 10%.

Il bonus vale non solo per l’acquisto degli strumenti, ma anche per il noleggio.

Bonus Pos anche per le commissioni?

bitcoin-credit-card-pos-terminal-min-min

Ma non finisce qui: il governo ha posto in essere un bonus anche per le peggiori nemiche degli esercenti che hanno il Pos, ossia le commissioni. Nel dettaglio, si tratta di un rimborso spese al netto dell’utilizzo, ideato appunto per favorirne la diffusione tra gli esercenti meno contenti.

Il governo premia questa tipologia in quanto i pagamenti Pos sono tutti tracciabili e dunque garantisce una maggiori sicurezza in caso di eventuali indagini. Oltre a questo si tratta di raggiungere gli obiettivi fissati dal PNRR in materia di transizione digitale.