Bonus prima casa under 36: requisiti e vantaggi

24/06/2021

E’ in arrivo il bonus per gli under 36 che intendono acquistare una prima casa. Le domande per richiedere i fondi previsti dal decreto Sostegni bis, potranno essere fatte a partire dal 24 Giugno. Ma di cosa si tratta? Come è possibile accedere ai fondi?

crop-hand-holding-house-near-coins (1)-min

Dal 24 Giugno sarà possibile fare domanda per ottenere il bonus inerente l’acquisto della prima casa per gli under 36. Il bonus è stato predisposto dal decreto Sostegni bis e consiste in una decurtazione dell’80% della quota capitale da pagare sul mutuo della casa.

I richiedenti devono avere meno di 36 anni e devono essere in possesso di determinati requisiti. L’acquisto inoltre deve riguardare una eventuale prima casa. Ma approfondiamo l’argomento.

Bonus prima casa under 36: come funziona?

Il bonus prima casa under 36, prevede due tipologie di aiuti:

  • agevolazioni sulle imposte da versare sul mutuo
  • sconto delle tasse sull’atto di compravendita.

Per quanto riguarda le spese inerenti il mutuo, gli under 36 che beneficiano del bonus prima casa, non devono versare l’imposta sostitutiva né le imposte di registro, ipotecaria e di bollo.


Leggi anche: Carlo Ruta: esiste la libertà d’informazione in Italia?

Per quanto riguarda le tasse sull’atto di rogito, sia per acquisti fatti da un privato che da un’impresa, l’agevolazione consiste nell’azzeramento delle 3 imposte previste:

  • di registro
  • ipotecaria
  • catastale.

Inoltre, qualora l’immobile sia stato acquistato da un’impresa, l’Iva è inclusa nel pagamento e quindi deve essere pagata al venditore. L’acquirente però matura un credito d’imposta, spendibile nei seguenti modi:

  • per pagare imposte di registro, ipotecaria, catastale, sulle successioni e donazioni dovute su atti e denunce presentati dopo la data di acquisizione del credito;
  • per pagare l’Irpef dovuta in base alla dichiarazione dei redditi da presentare successivamente alla data dell’acquisto;
  • per compensare somme dovute a titolo di ritenute d’acconto, di contributi previdenziali o assistenziali o di premi per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e sulle malattie professionali.

Bonus prima casa under 36: requisiti

Dopo aver visto cos’è e come funziona il bonus prima casa giovani, vediamo quali sono i requisiti.

  • Avere meno di 36 anni nell’anno di rogito;
  • acquisto prima casa;
  • Isee inferiore ai 40mila euro annui;
  • non serve contratto di lavoro a tempo indeterminato.

Per poter accedere al beneficio fiscale, è inoltre necessario essere in possesso dei requisiti per il bonus prima casa ordinario, ossia:

  • non bisogna possedere altri immobili, ovunque situati, ricevuti in precedenza con tale bonus. Diversamente bisognerà cederli
  • se si è titolari, anche per quote, di una abitazione nello stesso Comune di quella da acquistare, questa andrà ceduta entro 1 anno dal rogito. Bisogna quindi spostare la propria residenza entro 18 mesi dal rogito nel Comune dove si trova l’immobile da acquistare;
  • l’abitazione non deve essere di lusso, ossia non deve essere accatastata nelle categorie A/8 e A/9.

 


Potrebbe interessarti: I segreti della SIAE