Bonus prof: 100 euro in più in busta paga

Mattia Anastasi
  • Dott. in Economia Aziendale con curriculum Manageriale
11/11/2022

Grandi novità in arrivo per i docenti e per il personale Ata, che potrebbero essere interessati da un importante aumento dello stipendio nel 2023. Dopo una lunga trattativa politica e con i sindacati, si è finalmente arrivati all’accordo che interesserà circa 1,2 milioni di soggetti: l’aumento dovrebbe essere di 100 euro al mese.

Scuola

Via ufficiale al nuovo accordo tra i sindacati e il Ministero dell’Istruzione, che prevede il rinnovo del contratto 2019-2021 per gli stipendi e i benefici dei professori e del personale Ata. Domani 11 novembre alle ore 14 è già stato fissato un incontro all’Aran per la firma del contratto vero e proprio. La firma arriva dopo quasi sette ore (con alcune sospensioni) di trattativa.

Approfondiamo i dettagli della vicenda insieme nel seguente articolo

Bonus prof: ecco l’accordo con i sindacati

Scuola

Vediamo in primi quali sono le basi fissate dal nuovo accordo tra sindacati e Ministero dell’istruzione per quanto riguarda l’aumento degli stipendi per i professori e il personale Ata. L’intesa siglata si sostanzia in due step: il primo è la firma del nuovo contratto e dell’Aran, la controparte economica della situazione che stanzierà ben 2 miliardi.

La seconda fase sarà quella del Ministero dell’istruzione, nella quale dovrà fare di tutto per reperire i finanziamenti per l’aumento degli stipendi. Trovare i giusti finanziamenti è essenziale per garantire una riforma duratura per almeno il triennio 2022-2024.

Bonus docenti: ecco per chi

Scuola

L’aumento degli stipendi dovrebbe essere per tutti i docenti e per il personale Ata, che vedranno dunque aumentare lo stipendio fino ad un massimo di 100 euro al mese. Proprio in queste ore sono in corso i lavori tecnici per stabilire il corretto aumento degli stipendi, in linea con le disponibilità dello Stato.

I diretti interessati saranno, come detto, ben 1,2 milioni, di cui 850 mila sono docenti. Si auspica che questi aumenti di stipendio nel settore pubblico siano sempre più frequenti.