Bonus psicologo 2022, procedono le domande: come bisogna fare

Luca Paolucci
  • Esperto di: Politica, Economia e Detrazioni Fiscali
28/08/2022

C’è tempo fino al 24 ottobre 2022 per presentare la richiesta per ottenere il bonus psicologo. Il contributo andrà speso entro e non oltre 180 giorni dalla data di accoglimento dell’istanza. Vediamo insieme come funziona la procedura di domanda sul sito dell’INPS.

inps-pensioni-1200×675

Scade il prossimo 24 ottobre il tempo utile per richiedere il bonus psicologo, il contributo rivolto a tutti i cittadini che soffrono di un disagio di salute mentale causato dalla pandemia, da restrizioni e lockdown, dalla didattica a distanza, dallo smart working o da qualsiasi altro fattore.

Vediamo nel dettaglio la procedura da seguire per ricevere il bonus psicologo,

Bonus psicologo 2022: come fare domanda

businessman-checking-documents-at-table-min

La domanda per il bonus psicologo va eseguita entro il 24 ottobre 2022 sul portale online dell’Istituto, previa autenticazione tramite SPID, CIE o CNS. In alternativa, è possibile richiedere il bonus anche attraverso il contact center integrato dell’INPS.

Una volta presentata correttamente la domanda, l’Istituto informa il beneficiario e comunica il codice univoco associato alla pratica, che dovrà essere dato allo psicologo al momento della prenotazione delle sedute. Lo psicologo, a questo punto, accederà al portale INPS e:

  • verificherà la disponibilità dell’importo della prestazione che effettuerà;
  • indicherà l’ammontare della prestazione;
  • inserirà la data della seduta concordata.

Il bonus deve essere utilizzato entro 180 giorni dalla data di accoglimento della domanda. Decorso tale termine, il codice univoco viene automaticamente annullato e le risorse non utilizzate saranno riassegnate, nel rispetto dell’ordine della graduatoria regionale o provinciale.

Bonus psicologo 2022: come funziona

psicolog

Il bonus psicologo è rivolto a tutti i cittadini che soffrono di un disagio di salute mentale causato dalla pandemia, da restrizioni e lockdown, dalla didattica a distanza, dallo smart working o da qualsiasi altro fattore. Il bonus potrà essere richiesto dai cittadini italiani con prescrizione medica e diagnosi del disagio e con ISEE fino a 50.000 euro.

Il bonus viene riconosciuto una sola volta alla persona che ne farà richiesta, con alcune differenze a seconda del reddito dichiarato:

  • con ISEE inferiore a 15.000 euro il sostegno erogato sarà fino a 50 euro per ogni seduta, per un importo massimo di 600 euro;
  • con ISEE compreso tra 15.000 e 30.000 euro il bonus sarà erogato per un importo massimo di 400 euro a beneficiario;
  • con ISEE compreso tra 30.000 e 50.000 euro, l’aiuto raggiungerà il tetto massimo di 200 euro per ogni beneficiario.