Bonus psicologo 2022: richiedente e beneficiario devono coincidere?

Rachele Luttazi
  • Esperta in welfare e bonus
  • Laurea Magistrale in Economia dell'Ambiente e della Cultura
08/07/2022

Il bonus psicologo è ormai pronto a partire, in seguito alla pubblicazione del decreto attuativo in Gazzetta Ufficiale. Tuttavia, per quanto riguarda la presentazione della domanda, si pone un importante quesito: richiedente e beneficiario devono coincidere? Vediamo insieme.

psicolog

Il decreto attuativo che riguarda il bonus psicologo 2022 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e a breve potranno essere presentate all’Inps le domande per richiedere l’agevolazione.

Nel frattempo, si pone un importante quesito: richiedente e beneficiario devono coincidere? Vediamo insieme cosa è previsto in merito.

Bonus psicologo 2022: come funziona

Psicologo

Il bonus psicologo viene parametrato in base alla soglia ISEE:

  • con ISEE inferiore a 15.000 il beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 600 euro per ogni beneficiario;
  • con ISEE compreso tra 15.000 e 30.000 euro il beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è erogato a concorrenza dell’importo massimo stabilito in 400 euro per ogni beneficiario;
  • con un ISEE superiore a 30.000 e non superiore a 50.000 euro il beneficio, fino a 50 euro per ogni seduta, è pari a 200 euro per ogni beneficiario.

La domanda deve essere presentata all’Inps, il quale si occupa poi di comunicare al richiedente il codice univoco associato alla domanda. Il bonus deve essere utilizzato entro centottanta giorni dalla data di accoglimento della domanda.

Richiedente e beneficiario devono coincidere?

Psicologo

Innanzitutto, è bene specificare cosa si intende per beneficiario e per richiedente:

  • lo status di “beneficiario” riguarda ogni persona in condizione di depressione, ansia, stress e fragilità psicologica, a causa dell’emergenza pandemica e della conseguente crisi socio-economica, che sia nella condizione di beneficiare di un percorso psicoterapeutico;
  • il “richiedente” è il soggetto fisico che operativamente presenta la richiesta di accesso al beneficio.

La normativa non ha specificato nulla in merito alla coincidenza tra richiedente e beneficiario, pertanto i due potrebbero differire. Tuttavia, per essere certi, bisognerà attendere un’eventuale circolare esplicativa dell’Inps, che si rende necessaria per chiarire alcuni aspetti operativi del bonus.